Emendamenti per azzerare staff della Giunta, l’Odg Sardegna: “Stupisce e preoccupa”

L’Ordine dei giornalisti della Sardegna e l’Associazione della Stampa sarda esprimono stupore e preoccupazione per l’emendamento alla legge regionale 3 del 2009 presentato da quasi tutti i capigruppo di maggioranza in Consiglio regionale: “Si consentirà l’inserimento nell’ufficio stampa della Giunta di figure non giornalistiche e altre figure non iscritte all’Ordine dei giornalisti”

L’Ordine dei giornalisti della Sardegna e l’Associazione della Stampa sarda esprimono stupore e preoccupazione per l’emendamento alla legge regionale 3 del 2009 presentato da quasi tutti i capigruppo di maggioranza in Consiglio regionale.

Tale modifica consentirà l’inserimento nell’ufficio stampa della Giunta di figure non giornalistiche, che il testo indica come video maker, esperti di grafica e altre figure non iscritte all’Ordine dei giornalisti. Si tratta di una novità apparentemente non urgente, giacché l’ufficio stampa ha già un comparto tecnico cui fare riferimento. La sostanza però è che il resoconto e l’illustrazione dell’attività di governo potrà essere affidata a figure che non hanno – a differenza dei giornalisti attualmente in servizio – alcun obbligo di rispettare la verità sostanziale dei fatti, e tantomeno possono essere chiamate a rispondere del loro operato in termini deontologici davanti a un consiglio di disciplina.

Stupisce e preoccupa in egual misura la previsione che i contratti di lavoro attualmente in essere siano destinati a decadere all’approvazione dell’emendamento in oggetto. Non è chiaro con quale serenità possa svolgere la propria delicata funzione un addetto stampa che fino a oggi ha lavorato quotidianamente in virtù di un rapporto professionale fiduciario con la Giunta, e che si vede improvvisamente revocare l’incarico in virtù di un provvedimento del Consiglio.

Ordine e Assostampa sono da sempre – e restano – disposti al confronto con l’Amministrazione regionale sulle esigenze, le prestazioni e l’inquadramento dei giornalisti chiamati a informare la Sardegna sull’attività del governo regionale. Ma devono e vogliono ribadire con forza che l’attività giornalistica dev’essere svolta da chi per legge ha i titoli professionali e deontologici per occuparsene, a garanzia dell’opinione pubblica. È l’obbligo di rispettare la deontologia – prima ancora della perizia tecnica o delle innovative competenze di ciascuno – a segnare il confine fra informazione e propaganda.


In questo articolo: