Dopo Cagliari, anche Elmas e Sestu con i City Angels? Oggi gli esami

A Elmas gli esami degli “angeli di città”

Non hanno ancora una sede cagliaritana, o dislocata in Sardegna perché non se la possono permettere, ma l’obiettivo di sconfiggere il menefreghismo, l’indifferenza e la cattiveria, è il loro forte che si accompagna portando speranza, gioia e altruismo. 
Elementi che andranno in scena  questa mattina, dalle ore 10 alle 13 nella sede del Comune di Elmas che ospiterà gli esami dei volontari  d’emergenza meglio conosciuti come City ANGELS, gli angeli di città. 
 
L’iniziativa è stata illustrata ieri sera dal loro fondatore Mario Furlan che rivolgendosi ditate l’incontro al sindaco Walter Piscedda ha detto: “grazie di cuore per aver messo a disposizione dei corsisti la sala comunale“.
 
IDEE E AZIONI. Furlan ha illustrato a Piscedda  l’idea, anche per la città di Elmas, di  istituire un servizio (già attivo a Cagliari) ad opera dei volontari “che girano per le strade in aiuto ai cittadini bisognosi, coloro necessitano di conforto, ad esempio di vestiario e di cibo che raccogliamo, raggiungendo chi vive ai margini della società come ad esempio i clochard” ha spiegato. 
 
OBIETTIVI che sono stati approfonditi nella serata pre-esame agli aspiranti City Angels che, sempre ieri, hanno partecipato alle prove d’intervento in caso di “pericolo, o ad esempio di violenze che potrebbero correre i cittadini e dinnanzi alle quali è compito di un buon angelo di città intervenire prontamente“. 
 
I SINDACI. Presente per l’occasione anche il sindaco di Sestu Maria Paola Secci: “apprezzo molto la passione di questi volontari che amano aiutare il prossimo e che sarebbero di grande ausilio anche alla comunità sestese“. 
 
Girando per le strade, soprattutto a tarda sera – ha detto Sergio Mariotti, presidente degli Angels di Cagliari – molti nostri volontari proseguiranno nell’offrire  aiuto a quanti dormono negli angoli delle città, a chi vive nella più totale povertà o è stato vittima di violenze e di prepotenze“.  
 
FUTURO e SPERANZA. “Per questa ragione oggi – ha concluso Mario Furlan –  esamineremo con un test teorico pratico i tanti aspiranti angeli di città. Volontari che hanno studiato a fondo per poter interagire con le persone in difficoltà, siano esse tranquille irascibili, per poter intervenire in caso di emergenza per strada. Sono uomini e donne che lavorano, i nostri volontari, e che dopo il lavoro si dedicano al volontariato. 
 
Con noi collaborano anche ragazzi disoccupati, e sono volontari  accomunati dalla voglia di aiutare il prossimo, di proteggerlo dalle reazioni violente di balordi, di tendere una mano ai cittadini con  interventi mirati, se necessario anche richiedendo l’intervento della Polizia con la quale  collaboriamo da anni“. E così, magari anche Elmas e Sestu, al pari di Cagliari, potranno contare su un servizio costante di aiuto per i bisognosi. 
 
Maggiori informazioni sulle attività degli Angels e sui loro obiettivi sono disponibili nel sito http://www.cityangels.it oppure nella loro fan page di Facebook: 
 
Marcello Polastri 
 

In questo articolo: