Docenti, flash mob folkloristico all’aeroporto: “No al trasferimento”

Continua la protesta degli insegnanti precari sardi contro il rischio emigrazione

Alcune insegnanti si sono presentate vestite con il costume tipico, altri con bronzetti nuragici. Sono i docenti precari sardi che da quattro giorni protestano contro la “Buona scuola” di Renzi e il rischio per il prossimo anno accademico di dover emigrare fuori dall’isola. Oggi l’ennesima manifestazione all’aeroporto di Cagliari-Elmas, con tanto di maxi striscione, “Scuola sarda no trolley”, e valige che hanno contraddistinto la loro battaglia in questi giorni, dal sit in sotto il Consiglio regionale a quello in viale Trento. Domani per i 4 mila docenti precari sardi scade il termine per presentare le domande di assunzione, con la possibilità si essere chiamati nelle cattedre fuori dall’isola, e il rischio di dover lasciare casa, figli piccoli e genitori anziani.


In questo articolo: