Discoteche in Sardegna, Solinas: “Quest’anno dovremo rinunciare ai rischi, Briatore apra il ristorante”

Le serate danzanti, in estate, nell’Isola? Alt ai giovani, difficilmente potranno essere organizzate: “Se qualche cosa è particolarmente rischiosa dovremo rinviarla all’anno prossimo. Sì alla musica dal vivo ma niente assembramenti”

Le serate in discoteca? Rinviate a data da destinarsi, l’emergenza Coronavirus spegne i decibel. Il presidente sardo Christian Solinas, intervenuto a “Un giorno da pecora” su Radio Uno, anticipa, nei fatti, che per gli eventi in discoteca non ci sarà spazio, almeno nell’estate 2020 e nei prossimi mesi: “Siamo in un periodo di transizione, se c’è qualcosa di particolarmente rischioso dovremo rinviare all’anno prossimo”. E il riferimento è proprio alle discoteche. I conduttori del programma radiofonico “pungono” Solinas: “Cosa dirà al suo amico Briatore, proprietario del Billionaire?”. E il presidente sardo è netto: “La parte della ristorazione potrà aprirla sicuramente, seguendo tutti i protocolli. La parte della musica dal vivo potrà essere fatta ma senza assembramenti”.


In questo articolo: