Coronavirus, un’altra vittima sarda: muore una donna 76enne residente in Lombardia

La donna era nata a Samugheo. Il dolore del sindaco del paese sardo: “Veniva ogni estate col marito per fare le vacanze, è stata colpita dalla ‘bestia invisibile’ che continua a mietere vittime”

Una pensionata di origini sarde, Maria Rita Loi, 76enne residente da anni a Bresso, è morta. Il decesso della donna è stato divulgato con un lungo post su Facebook dal sindaco di Samugheo, paese di nascita della donna, Antonello Demelas. Contattato da Casteddu Online, il primo cittadino spiega che “la donna era ricoverata da quattro giorni all’ospedale dopo essere risultata positiva al Coronavirus”. Il suo nome, quindi, va ad aggiungersi alla triste lista fi sardi rimasti vittime del virus. “Dopo diversi giorni di lotta Maria Rita Loi, l’amica del cuore di mia mamma, si è arresa, sconfitta da questo male spietato. Al marito Antonio, ai figli, alle sorelle e a tutti i parenti, va il più sentito cordoglio mio e di tutto il paese. Tutta la comunità si stringe in un forte abbraccio ai familiari. Non potremo accompagnarti, con i tuoi cari, nel tuo ultimo viaggio, ma lo faremo con il pensiero e con il cuore”, scrive Demelas su Facebook.
Il sindaco lancia anche un appello: “Non possiamo più illuderci, non possiamo far finta di nulla. Non siamo immuni e se non seguiamo scrupolosamente tutte le indicazioni che ci ripetiamo fino alla nausea, rischiamo. Chiedo a tutti voi, carissimi concittadini, di stare attenti e di restare in casa. Un pensiero particolare va anche ai tanti samughesi, che in questo momento si trovano lontani dal nostro paese, abbiate cura di voi, cerchiamo di superare questo difficile momento. Spero che la brutta notizia di oggi sia da monito per tutti, ma soprattutto per quelle persone, poche per fortuna, che ancora prendono la situazione con superficialità, incuranti delle raccomandazioni”.

In questo articolo: