Coronavirus, Sileri: “L’errore più grande è stato il bollettino dei contagi”

Il viceministro della Salute: “L’epidemia per come l’abbiamo conosciuta non c’è più”

Potessi tornare indietro non darei i dati sul contagio giorno per giorno e non chiamerei malati tutti coloro che sono stati testati positivi”. 

Ha un ripensamento il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, che in un’intervista al gruppo dei quotidiani Nazione-Carlino-Giorno che “l’epidemia per come l’abbiamo conosciuta non c’è più” anche se il Coronavirus “sarà sconfitto quando avremo un vaccino che dovrà essere sicuro ed efficace”.

Poi aggiunge: “Il virus c’è ma circola meno” e “io ho parlato di tornare a vivere, sempre con la consapevolezza che il virus esiste” “ma “se si mantiene la distanza tra le persone si può stare senza mascherina”.

Leggi su Agi.it


In questo articolo: