Coronavirus, l’Anci Sardegna chiede misure ancora più stringenti: chiudere tutto per 15 giorni

Il Presidente dell’Anci Emiliano Deiana: “La Sardegna oltre ad essere un isola ha un sistema sanitario fragilissimo che non consente di avere servizi “interregionali. Chiediamo la chiusura per due settimane di tutte le attività, tranne farmacie e generi alimentari”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

L’Anci Sardegna chiede più misure di sicurezza anche nell’Isola, sulla stregua di quanto richiesto dai comuni lombardi. Nella riunione di questa mattina a Cagliari si è parlato anche e soprattutto dell’emergenza Coronavirus.

“La Sardegna oltre ad essere un isola ha un sistema sanitario fragilissimo che non consente di avere servizi “interregionali” afferma il Presidente dell’Anci Emiliano Deiana . Per questo chiediamo: la chiusura h24 per due settimane di tutte le attività commerciali e artigianali e dei mercati, consentendo il solo servizio a domicilio. Tali chiusure ad eccezione delle attività di generi alimentari e delle Farmacie e Parafarmacie. La chiusura degli uffici e servizi pubblici, salvo quelli che adottano la modalità di lavoro Smart Working e salvo il mantenimento delle funzioni essenziali, a titolo di esempio: servizi sociali, raccolta rifiuti, polizia locale. La chiusura delle attività professionali e di impresa che non facciamo ricorso integrale allo Smart Working, salvo le attività ritenute fondamentali per la produzione di beni e servizi primari (e le aziende a ciclo continuo e relativa filiera, purché adottino rigorosi controlli e presidi sanitari)”.

“Per tali misure, che evidentemente aggravano ancor maggiormente la tenuta dei sistemi economici locali lo Stato garantisca con certezza e tempestività, in apposito decreto o altro provvedimento, metodo e tempistica dei ristori economici alle stesse attività e il differimento di ogni forma di imposizione tributaria.Medesima richiesta la facciamo per i bilanci dei Comuni e il differimento di ogni altra scadenza”, conclude.