Colto da malore su una nave, marinaio soccorso dalla Guardia costiera a Cagliari

L’operazione di soccorso è stata resa impegnativa dalle condizioni meteo del mare non ottimali presenti in zona, in particolare per un’attività delicata quale l’affiancamento dell’unità navale ed il trasbordo medico.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Nella tarda serata di ieri la Guardia Costiera di Cagliari ha portato a termine un’operazione di soccorso ed evacuazione medica a favore di un marinaio colto da malore a bordo di una nave battente bandiera greca in navigazione ad est del Golfo di Cagliari.

L’operazione ha avuto inizio dopo le 21, quando la sala operativa ha ricevuto la segnalazione di un membro di equipaggio di una nave in attività ad est di Capo Carbonara, colto da un forte attacco di colecisti e bisognoso di urgente assistenza medica.

Immediatamente assunto il coordinamento delle operazioni, la sala operativa ha messo la nave in contatto con il C.I.R.M. (Centro Internazionale Radio Medico) e il Servizio 118 per le valutazioni mediche necessarie; il C.I.R.M. ha quindi disposto l’evacuazione medica del marittimo colto da malore mediante l’impiego di un mezzo navale e il successivo trasporto urgente in ospedale.

Considerata la necessità di un’evacuazione medica immediata, la sala operativa ha inviato in zona la motovedetta CP 302, unità SAR specializzata in attività di ricerca e soccorso, mentre nel frattempo la nave greca è stata fatta avvicinare alla costa per ridurre ulteriormente i tempi d’intervento e consentire il trasbordo in sicurezza e a ridosso nelle acque interne al Golfo di Cagliari.

La motovedetta della Guardia Costiera si è affiancata all’unità che ha richiesto assistenza e ha effettuato il trasbordo in sicurezza dell’uomo bisognoso di cure mediche, per poi dirigere a tutta velocità verso il porto di Cagliari, dove il malcapitato è stato affidato alle cure del 118, prontamente intervenuto in banchina con un’ambulanza, per il successivo trasporto e ricovero presso l’Ospedale Santissima Trinità di Cagliari.

L’operazione di soccorso è stata resa impegnativa dalle condizioni meteo del mare non ottimali presenti in zona, in particolare per un’attività delicata quale l’affiancamento dell’unità navale ed il trasbordo medico.


In questo articolo: