Cento uomini in azione dall’alba per cercare Francesca Deidda: battuta la zona tra Sinnai e San Vito

Carabinieri, alpini, protezione civile, forestali: tutti alla ricerca del corpo della 42enne di San Sperate che gli inquirenti sono convinti sia stata uccisa dal marito Igor Sollai.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Un centinaio di persone in azione: poco prima delle 7 i carabinieri della Compagnia di Iglesias, i Cacciatori di Sardegna, i tecnici e gli operatori del Soccorso alpino, le squadre dei vigili del fuoco e poi la Protezione civile, i volontari e il Corpo forestale si sono incontrati lungo la statale 125 a Quartucciu per pianificare un rastrellamento ad ampio raggio nell’area in cui si sarebbe agganciata la cella del telefonino di Francesca Deidda, la 42enne scomparsa a maggio da San Sperate, una ventina di chilometri da Cagliari, e che gli inquirenti sono certi sia stata uccisa dal marito Igor Sollai, autotrasportatore 43enne. L’area che in queste ore viene passata al setaccio è quella tra Sinnai e San Vito nelle vicinanze del Ponte Romano. Si cerca il corpo della donna, ma anche indumenti ed effetti personali. Secondo gli investigatori, l’uomo l’avrebbe uccisa, poi avrebbe nascosto il cadavere e per settimane si sarebbe sostituito a lei rispondendo con il suo telefonino ai messaggi di amici e parenti.


In questo articolo: