Cedimenti in via Tigellio a Cagliari, quale destino per il pozzo romano?

Il caso del Pozzo romano scoperto in via Tigellio nel 2018 finirà in Consiglio Comunale

Il caso del Pozzo romano scoperto in via Tigellio nel 2018 e del cunicolo scoperto davanti all’Ospedale San Giovanni di Dio qualche mese fa, finirà in Consiglio Comunale. 
Il consigliere di Sardegna Forte, Marcello Polastri, ha infatti presentato una interrogazione al Sindaco e all’Assessore competente, per render conto alla città di cosa è stato fatto e cosa accadrà nelle vie oggi chiuse da transenne o da pesanti lastre metalliche, per proteggere pozzi e cunicoli scoperti tempo addietro. 
“L’obiettivo – prosegue Polastri – è capire anche come la Soprintendenza, alla quale ho rivolto un mio accorato appello, possa autorizzare la chiusura del pozzo di via Tigellio con un chiusino ispezionabile. Spero di cuore che, per far ciò, non passi ancora molto tempo perché se da un lato, è giusto che la viabilità ritorni nella piena normalità e che i parcheggi possano nuovamente funzionare, ma è soprattutto bene che la storia possa per davvero esser valorizzata e possibilmente goduta con la messa in opera di un chiusino metallico apribile”. 
Questo accorgimento – conclude Polastri –  consentirebbe di fatto di poter ripulire il pozzo anche con l’ausilio di personale volontario seguito da qualificati professionisti, e magari rendere accessibile seppur per pochi di volta in volta, un luogo di storia e della memoria cittadina”.

In questo articolo: