Cagliari, viaggio nella corte della Napoli barocca con la Compagnia dei violini

Domenica 5 giugno a Cagliari il festival Echi lontani ritorna nella chiesa di Santa Maria del Monte per un concerto dedicato ai compositori e virtuosi del violino nella Napoli barocca.

Domenica 5 giugno a Cagliari il festival Echi lontani ritorna nella chiesa di Santa Maria del Monte per un concerto dedicato ai compositori e virtuosi del violino nella Napoli barocca.

L’appuntamento, in programma alle 20,30, vedrà sul palco la Compagnia dei Violini, ensemble che ha ricostituito l’omonimo insieme attivo alla corte Farnese nel 1603 formato da Alessandro CiccoliniDomenico SchicchitanoDavide Medas (Violini), Viola Mattioni (Violoncello) e Francesco Baroni (Clavicembalo).

Il titolo del concerto è “I Violini della Real Cappella – Musica alla corte di Napoli tra XVII e XVIII secolo”. Musiche di Giuseppe Antonio Avitrano e Pietro Marchitelli per un programma, scrive il direttore artistico di Echi lontani Dario Luisi, nelle note di presentazione della serata “pressoché inedito ed in parte sconosciuto, prodotto di uno studio profondo e fiore all’occhiello di un progetto formativo nato in seno al Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio A. Boito di Parma e divenuto in breve tempo una presenza sempre più frequente sulla piazza internazionale”.

Dopo l’appuntamento di domenica, Echi lontani ritorna venerdì 10 giugno per un concerto che vedrà protagonista una una storica amica del festival: Paola Erdas, clavicembalista sarda che negli anni ha costruito una brillante carriera a livello internazionale.

Biglietti: intero 7 euro, ridotto (diversamente abili, studenti, under 14 e over 65) 5 euro.

Prenotazioni: 347 4384788 o biglietteria@echilontani.org.

 

Compagnia dei Violini È dall’incontro tra il violinista barocco Alessandro Ciccolini e il clavicembalista e organista Francesco Baroni, dopo venticinque anni di attività concertistica spesso condivisa, che nasce l’idea di dar vita ad un nuovo gruppo dedito all’esecuzione del repertorio barocco su strumenti originali. La comune passione per la didattica e la ricerca filologica trova il suo ideale compimento nel recupero del repertorio inedito italiano rivolgendo particolare attenzione alla tradizione della storia musicale barocca di Parma. Si è deciso, infine, di formare, o meglio ricostituire la Compagnia de Violini, uno storico gruppo di violinisti attivo alla corte Farnese tra fine Cinquecento ed inizio Seicento, con l’intento di favorire anche il futuro delle giovani generazioni di musicisti che intendano approfondire seriamente la ricerca e lo studio del repertorio di questo periodo storico. La Compagnia de Violini ha debuttato nell’ottobre 2019 creando, per i festival “Grandezze e Meraviglie” di Modena e“Madrigale Contemporaneo” di Parma, un programma dedicato all’esecuzione delle Sonate a tre violini e basso continuo di autori attivi nell’organico della Real Cappella di Napoli alla fine del Seicento. Nel 2021 la Compagnia de Violini parteciperà alle celebrazioni per l’inaugurazione della chiesa di S. Francesco del Prato, riportata a nuova vita dopo un lungo restauro, presentando un programma di compositori legati alla corte Farnese durante l’inizio del XVIII secolo. Sempre nel 2021 verrà realizzato per il festival di musica antica di Radovlijca, in Slovenia, un programma dedicato al repertorio italiano scritto per l’inusuale formazione costituita da quattro violini e basso continuo, dal titolo “Da Uccellini a Ciccolini”.


In questo articolo: