Cagliari, Truzzu dopo le Europee: “Ghirra continui a sperare, tutti i cagliaritani criticano il porta a porta”

Il candidato a sindaco del centrodestra risponde alla Ghirra: “Dice che in città hanno sbancato con le Europee, ma le Comunali sono ben altro. Io sarò il sindaco di tutti e sono già pronto a modificare l’attuale nuova raccolta dei rifiuti, non c’è un solo cagliaritano che non si lamenti”

Fratelli d’Italia da record a Cagliari, alle elezioni Europee raccoglie il 7,40 per cento – dato mai conseguito prima – . Paolo Truzzu, candidato sindaco di centrodestra, è felice per l’ottimo risultato, “significa che siamo sempre più un punto di riferimento affidabile per i cittadini, ma ogni elezione ha una storia diversa dall’altra”. Insomma, volendo tradurre dal politichese: un conto è votare per mandare politici a Strasburgo, un altro governare per cinque anni il capoluogo di una regione. “Entrano in gioco elementi differenti, i cittadini sceglieranno chi è migliore per la città”. E Truzzu ritorna anche su un tema molto caro al centrodestra cagliaritano, quello della raccolta porta a porta: “Tutti i cagliaritani la stanno contestando, è un tema che obbligatoriamente diventa centrale, da sindaco modificherò il sistema attuale, è nato malissimo”. Insomma, il candidato a sindaco del centrodestra conferma la piena volontà di mettere mano a mini e maxi mastelli, e all’orizzonte potrebbe esserci l’arrivo dei grandi bidoni condominiali anche in quelle vie – centrali e definite dal centrosinistra “a vocazione commerciale” – dove, per la “disperazione” di molti cagliaritani, l’unico metodo di conferimento della spazzatura è rappresentato dai bidoncini piccoli.

 

In città le Europee consegnano il primo posto, tra tutti i partiti, al Pd, e Francesca Ghirra ha detto che “a Cagliari il centrosinsitra ha vinto per la terza volta di fila”, e che quindi le speranze di vincere, il sedici giugno prossimo, sono buone. “La Ghirra continui pure a sperare”, attacca Truzzu, “ha pure detto che tra lei e il Movimento 5 Stelle ci sono similitudini, ma non è vero. Non si può perdere tempo a commentare cose che non interessano i cagliaritani, io resto concentrato sui problemi, tanti, da risolvere nella mia città”.