Cagliari, sos di un ragazzo di Sant’Elia: “Riqualificate i palazzi Gariazzo e Bodano”

“Basterebbe la riqualificazione della parte base delle palazzine, parcheggi, illuminazione da sempre assente, parchetti e aiuole dignitose, ingressi palazzi, passerelle e costruzioni abusive”

Sono un semplice ragazzo di Sant’Elia, uno studente. Mi sono interessato al quartiere dove da circa 10 anni vivo in diverse occasioni. Conoscerete benissimo la situazione nei palazzoni di Sant’Elia, avete anche realizzato diversi servizi per denunciare la situazione.

Da mesi si parla della demolizione dei palazzi del Favero, buona notizia e speriamo che gli abitanti di quei palazzi riescano ad ottenere quello che vorrebbero. Però a me interessava parlare del destino dei palazzi Gariazzo e Bodano. Basterebbe la riqualificazione della parte base delle palazzine, parcheggi, illuminazione da sempre assente, parchetti e aiuole dignitose, ingressi palazzi, passerelle e costruzioni abusive.

Mi sono informato diverse volte: il sindaco dice di non poterci fare nulla perché è AREA e la Regione che deve occuparsene, un dirigente di Area mi ha detto che questi interventi sono previsti in un piano di riqualificazione radicale dove sono coinvolti Area, Regione e COMUNE. Quindi si assiste al solito scarica barile e al nulla di fatto. Mi rivolgo a lei per chiederle se si può fare qualcosa per dare risposte ai cittadini. Magari si potrebbe attirare l’attenzione sulla situazione, chiamando in causa il sindaco, dirigenti Area e Regione.

Lettera firmata


In questo articolo: