Cagliari, sfonda la porta e occupa la casa popolare durante il funerale: 46enne nei guai

Ha saputo della morte dell’assegnatario di un alloggio popolare in via La Somme e, mentre i parenti erano tra chiesa e cimitero, ha occupato la sua abitazione. Una cagliaritana è stata denunciata dalla polizia Municipale, con lei anche il suo figlioletto di due anni

Le voci girano rapidissime, in rioni come San Michele. La notizia della morte di un anziano, da anni assegnatario di un alloggio popolare in via La Somme, è arrivata anche alle orecchie di una cagliaritana di quarantasei anni. Così, sabato scorso, mentre a poche decine di metri stava iniziando l’ultimo viaggio dell’uomo – il funerale, poi il trasporto della bara al cimitero di San Michele – la donna ha deciso di sfondare il portoncino dell’appartamento. “È stata lei stessa a chiamare la polizia Municipale per autodenunciarsi”, spiegano dal comando di via Crespellani. I parenti del defunto, una volta tornati nell’ormai ex casa dell’anziano, hanno trovato la “sorpresa” e, poco dopo, anche gli agenti della Municipale, impegnati a consegnare l’ordinanza di sgombero alla 46enne. Con lei c’è anche il figlio, minorenne. Come capita in questi casi, è scattata anche la denuncia, in automatico, per aver occupato abusivamente una casa di proprietà del Comune di Cagliari. Non è la prima volta che succede e potrebbe non essere l’ultima, quella delle occupazioni abusive di metri quadri “pubblici”: da San Benedetto sino a Sant’Elia, sono numerosi i casi di persone che, una volta adocchiata una casa libera, la occupano.

 

La donna, presto, dovrà comunque liberare la casa: gli agenti hanno già inviato tutta la documentazione agli uffici competenti del Comune. Certo, la situazione è comunque delicata visto che c’è anche un minore di mezzo. “Bisogna capire se la donna risulti iscritta nelle graduatorie degli aventi diritto a un alloggio popolare”, informano ancora dai piani alti della Municipale. Se così fosse, questo suo gesto le può comportare l’esclusione dalla graduatoria.


In questo articolo: