Cagliari, l’ira degli abitanti di via Codroipo: “Marciapiedi spaccati e tanti anziani disabili prigionieri in casa”

Mattonelle distrutte dalle radici, buche e nessuno scivolo per le carrozzine. Situazione da terzo mondo “per centinaia di residenti: da quattro anni attendiamo l’intervento del Comune. Gli operai hanno riparato due metri di strada e poi sono scomparsi”. GUARDATE il VIDEO

 

 

A poche decine di metri ci sono giardini ben curati, ma fiori e piante da ammirare non bastano a placare l’ira dei residenti di via Codroipo a Cagliari. Ai piedi dei palazzi popolari il marciapiede è spaccato, distrutto dalle radici e, nonostante la presenza di vari stalli per disabili, gli abitanti lamentano anche “l’assenza totale di scivoli per le carrozzine”. A Radio Casteddu è intervenuta Marinella Mulleri. Da anni residente nella strada “dimenticata”, la donna ha realizzato un video e delle foto sin troppo chiare: “Qui il settanta per cento delle persone sono invalide e sono come prigioniere in casa. Non possono uscire perché mancano i passaggi per le carrozzine, se vogliamo fargli prendere un po’ di aria dobbiamo sollevarle di peso. Siamo in queste condizioni da quattro anni, mi sono fatta portavoce di tutti i miei vicini e ho già parlato sia con l’ex sindaco che con l’attuale e anche con assessori vari. Hanno detto che avrebbero fatto qualcosa, ma poi non è cambiato quasi nulla”, denuncia la donna.

 

 

“Sono arrivati gli operai, da poco, e hanno riparato due metri di strada. Eravamo felici nel vederli all’opera, peccato che nel giro di qualche giorno siano andati via. Siamo seriamente isolati, perché l’amministrazione comunale non utilizza finalmente i fondi arrivati per le opere di superamento delle barriere architettoniche?”.


In questo articolo: