Cagliari, l’ipogeo del Bastione di S.Caterina nel degrado: “Un tesoro per la città”

L’ipogeo di Santa Caterina negato ai cagliaritani e nel degrado più totale, servono interventi urgenti


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

L’ipogeo di Santa Caterina negato ai cagliaritani e nel degrado più totale, servono interventi urgenti. A chiederlo con un’interrogazione Raffaele Onnis, Consigliere Comunale dei Riformatori Sardi: “Stavo facendo un sopralluogo nel nostro quartiere di Castello per vedere di persona alcune criticità che mi sono state segnalate e con immenso stupore mi sono trovato di fronte a questa situazione che voi tutti potete vedere e giudicare dalle immagini allegate.

Quello che dalle immagine potrebbe sembrare di tutto tranne che un sito di pregiatissimo valore storico, archeologico, paesaggistico e turistico in realtà è un importantissimo IPOGEO risalente al III sec a.C. custodito nel cuore della nostra città sotto la superficie del Bastione Santa Caterina.

Questo importante sito archeologico fu realizzato dai punici per essere utilizzato come cisterna, poi convertita nel tempo a luogo di culto Sacro, ricovero per la gendarmeria, ossario e chissà quante altre funzioni.

Si tratta di una delle poche testimonianze risalenti a quell’epoca, non ancora stratificate, dall’incalcolabile valore.

Luoghi dell’importanza storica e monumentale come questo non possano essere sottratti alla fruizione dei cagliaritani e dei turisti per tutti questi anni.

Il sito si presenta attualmente in uno stato di degrado e abbandono:

– Erbacce spontanee alte più di due metri

– Materiali di ogni genere accatastati al centro del piazzale

– Tettoie parzialmente scoperchiate con copertura di lamiere onduline “tipo baracca” e telaio di tubi innocenti arrugginiti

Si tratta di un vero e proprio tesoro per la sua straordinaria importanza turistica e posizione:

– in uno dei contesti più suggestivi della nostra città dal punto di vista panoramico

– dominante il Bastione di Saint Remy e raggiungibile attraverso le due simmetriche scalinate della terrazza

– prospicente l’ingresso del principale ascensore di Viale Regina Margherita e luogo di passaggio di tutti i visitatori del quartiere Castello

– di fronte all’ingresso dell’omonima storica scuola Santa Caterina

Ho presentato un’interrogazione chiedendo di intervenire urgentemente con lo sfalcio delle erbacce, la rimozione dei detriti e di quell’obbrobriosa copertura posticcia di tubi e lamiere arrugginite, per il ripristino del decoro essenziale che il sito e l’immagine della città meritano. Sollecito inoltre la ripresa dei lavori di restauro per la restituzione del monumento ai visitatori”.


In questo articolo: