Cagliari, la guardia costiera recupera in mare materiale da pesca pericoloso

Il materiale è stato messo in sicurezza presso il porticciolo turistico di Marina Piccola

Recupero di materiale da pesca pericoloso. 

Nella mattinata odierna, il personale del Nucleo Sub della Guardia Costiera di Cagliari, durante una attività di controllo, ha individuato e recuperato a circa mezzo miglio da Capo S’Elia, nel golfo di Cagliari, un lungo tubo in plastica utilizzato impropriamente per fissare dell’attrezzatura da pesca che costituiva un grave pericolo per la navigazione. Il materiale è stato messo in sicurezza presso il porticciolo turistico di Marina Piccola.

Nella stessa mattinata un secondo equipaggio della Guardia Costiera in pattugliamento nel golfo di Cagliari, in attività di controllo sulla filiera della pesca in area marina protetta, ha proceduto al sequestro di cinque nasse rinvenute in un’area dove non è consentita la pesca. Durante il servizio ha prestato assistenza ad alcuni diportisti in difficoltà a causa della scarsa visibilità dovuta ad un denso banco di nebbia formatosi nelle prime ore della mattina. I diportisti sono stati assistiti e ricondotti in sicurezza nei rispettivi porticcioli di partenza a Marina di Capitana, Villasimius e Cagliari.


In questo articolo: