Cagliari, col Covid giù il prezzo del caffè al bar: “I baristi non stanno più affamando i clienti per guadagnare”

Tra lockdown e restrizioni tanti cagliaritani scelgono di far colazione a casa, e una buona fetta di baristi decide di ritoccare i prezzi. I dati diramati da Giuliano Frau dell’Adoc: “Anche 10 centesimi in meno nonostante l’asporto, tanti si sono accorti che, con la crisi, era inutile continuare a spremere le persone come un limone”. Anche voi avete notato prezzi più bassi?

La crisi porta a un calo, “piccolo”, anche del costo dei caffè dei bar. Negli ultimi mesi, tra restrizioni e giorni di lockdown, hanno potuto lavorare solo con l’asporto e, per chi ha potuto, con le consegne a domicilio. E l’Adoc Sardegna, attraverso il suo presidente regionale Giuliano Frau, fornisce i dati legati a un focus svolto, proprio a Cagliari, dall’associazione: “I bar, nonostante l’asporto, hanno mantenuto i prezzi più o meno uguali”. Anzi: “In alcuni casi i costi sono diminuiti. Dieci centesimi in meno per un caffè, volendo tagliare il capello in quattro sono sempre 200 lire. Gli esercenti si sono accorti che a spremere il limone poi spille non ne ottengono più. Qualcuno ha modificato” i prezzi, “c’è chi fa pagare un caffè un euro e venti, nella stessa zona”, cioè in altri bar, “lo fanno pagare un euro e dieci. Altri hanno mantenuto inalterati i prezzi”. Il costo fluttua in città “da un euro a un euro e venti. In qualche caso c’è chi ha aumentato di 7-10 centesimi il cappuccino col latte ad alta digeribilità, ma sono casi sporadici”.
“Sembra quasi una presa di coscienza dell’esercente che ha capito la situazione, le persone si stanno abituando a fare la colazione a casa e questo si sposa con l’aumento, nella grande distribuzione, dei prezzi degli alimentari”, afferma Frau. “Aumenti sempre contenuti, ma sono i peggiori, perchè è un po’ come scaldare l’acqua alla rana, si assuefa e poi muore. Dico solamente che, probabilmente, i baristi stanno recuperando quella che era la buona creanza mercantile, cioè non affamare i clienti per guadagnare. Secondo me è una presa di coscienza legata al periodo attuale”.