Cagliari, cocaina e hashish nei circoli privati: arrestati due sardi e due minori rom

Cagliari, blitz dei Falchi della polizia in due circoli privati in viale Monastir e a Pirri: ecco chi sono le persone arrestate


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Giro di vite della Questura di Cagliari all’interno dei circoli dediti allo spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’operazione “Droga in Circolo”, condotta dalla Squadra Mobile – Gruppo Falchi – sono stati eseguiti dei controlli mirati all’interno di due circoli cittadini dove era stato segnalato il sospetto di attività di spaccio:

 “ALPHA” via Monastir nr. 114/b

“NUMBER ONE” via Santa Maria Chiara 116/b

 Nel corso delle attività di sopralluogo, eseguite anche con l’ausilio di binocoli, si è notato il consueto “via-vai” di tossicodipendenti: i “clienti” dopo un timido ingresso uscivano dopo pochi istanti e si allontanavano velocemente con l’evidente sensazione che stessero occultando qualcosa nelle tasche.

Nel circolo “ALPHA” è stato identificato uno degli spacciatori, Roberto Zedda,  cagliaritano di 37 anni, pregiudicato, che si avvaleva nell’attività di spaccio di due minorenni rom, S. A. e S. M. arrestati anche loro per detenzione e spaccio. Per evitare il controllo, l’uomo ha lanciato da una finestra una busta con sostanza stupefacente che è stata raccolta da una pattuglia dei Falchi appostata attorno al locale.

La busta è risultata contenere circa 200 gr. di hashish mentre a carico degli arrestati sono state sequestrate circa 40 dosi di hashish già predisposte e 10 dosi di cocaina già termosaldate, un bilancino di precisione e la somma di 495 euro.

Blitz anche all’interno del secondo circolo, il “NUMBER ONE” ex circolo Hollywood, già controllato dalla Squadra Mobile recentemente, dove è stato arrestato Emanuele Zucca, cagliaritano di 23 anni,  responsabile di spaccio e detenzione di droga in quanto trovato in possesso di circa 20 dosi di cocaina, già pronte per lo smercio.

In entrambe i casi le pattuglie dei falchi sono riuscite ad organizzare un servizio di osservazione senza essere inquadrate dai sistemi di videosorveglianza predisposti da entrambi i locali.


In questo articolo: