Cagliari riabbraccia il bastione: riapre la scalinata, telecamere anti vandali

Entro gennaio verrà riaperta la scalinata monumentale chiusa da tempo. D’estate riaprirà definitivamente anche la Passeggiata coperta. La novità è l’ipogeo sotto il bastione di santa Caterina. Sì al sistema di videosorveglianza antivandali

Il 2018 sarà l’anno in cui i cagliaritani potranno riabbracciare il bastione di Saint Remy, uno dei monumenti simbolo della città. Conclusi i lavori sulla terrazza Umberto I (trovata l’infiltrazione che dava noie al monumento), entro gennaio (o forse anche prima) saranno conclusi i lavori su scalinata e torrino e in estate riaprirà anche la Passeggiata Coperta. Forse ci vorrà qualche mese in più per l’apertura del sito archeologico sotto il bastione di santa Caterina.

Ma ormai per l’apertura della scalinata monumentale e del torrino è partito il conto alla rovescia e verrà restaurata tutta la facciata che guarda verso piazza Costituzione e viale Regina Margherita. Sarà quindi il turno della Passeggiata coperta che potrà riaprire anche grazie alla soluzione del problema delle infiltrazioni dalla terrazza superiore. L’ultimo problema qualche mese fa era stato causato dall’ostruzione delle griglie tappate da cartacce e cicche di sigarette, ma i lavori (eliminazione di caditoie a gomito, rifacimento del massetto e nuova impermeabilizzazione) dovrebbero aver risolto ogni problema, compreso quello della sostituzione delle vecchie tubazioni. Per completare il lavoro alla passeggiata coperta resta la sistemazione degli stucchi e degli intonaci. Infiltrazioni non ci dovrebbe esser erpiù traccia.

L’altra grande novità alla è costituita dallo scavo dell’ipogeo trovato sotto il bastione di Santa Caterina, alla fine il Comune ha trovato l’accordo con la Sovrintendenza per la sistemazione del sito. Resta infine il problema dei vandali. La custodia costa 50 mila euro l’anno, l’amministrazione sta pensando di spendere 13 mila euro per sistemare le telecamere e individuare così i vandali.


In questo articolo: