Cagliari, addio alla scuola Lussu di via Piovella: al suo posto alloggi per persone in difficoltà

Grazie ai fondi del Pnnr al posto dell’istituto scolastico verranno ricavati 21 alloggi sociali per persone “con forme di esclusione estrema e grave vulnerabilità legata a condizioni di fragilità fisica, psicologica e sociale”. Oltre alle case nello stabile nascerà anche un centro servizi comunale per le attività collettive di Is Mirrionis.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Una scuola che diventa una palazzina per alloggi sociali. Dopo l’edificio scolastico di via Flumentepido, dove le aule sono diventate appartamenti, è il turno della “Emilio Lussu” di via Piovella.
Grazie ai fondi del Pnnr al posto dell’istituto scolastico verranno ricavati 21 alloggi sociali per persone “con forme di esclusione estrema e grave vulnerabilità legata a condizioni di fragilità fisica, psicologica e sociale”.
Oltre alle case nello stabile nascerà anche un centro servizi comunale per le attività collettive del quartiere di Is Mirrionis. Gli appartamenti saranno 21, distribuiti su 3 piani.
Al piano terra le abitazioni avranno un piccolo giardino a livello. Sul lato ovest, lungo via Sella, sono stati previsti tre alloggi di cui due di circa 38 mq ed uno, completamente accessibile ai diversamente abili, di circa 66 mq.
All’interno su ogni piano, si trovano degli spazi comuni come lavanderie. Sul lato sud sono stati previsti altri 4 alloggi di cui 1 di circa 39 mq, 1 di circa 40 mq e 2 di circa 41 mq. Questa distribuzione si ripete su ognuno dei tre piani.
La soluzione prevede, la creazione di logge con lo scopo di dotare tutte le unità, anche ai piani superiori, di spazi all’aperto privati che, sommandosi a quelli al coperto, possano incrementare la
vivibilità, le condizioni di benessere e il comfort delle unità residenziali.
Nei due piani superiori sorgeranno due open space di circa 150 mq la cui destinazione specifica verrà determinata in una fase successiva. Questi spazi, che non avranno collegamenti con la parte residenziale, saranno destinati ad attività rivolte ai residenti del quartiere e saranno accessibili autonomamente dall’esterno, tramite un accesso che verrà creato su via Piovella.


In questo articolo: