Cagliari, addetti al carro attrezzi furiosi e in tirincea: “Primo maggio rosso di rabbia” 

Gli operai del servizio rimozioni asserragliati in viale Monastir: “Il primo maggio a Cagliari è anche rosso dalla voglia di difendere i nostri posti. Viva Sant’Efisio, via il lavoro”. GUARDATE il VIDEO 

“Il primo maggio a Cagliari è rosso, rosso di rabbia, rosso dalla voglia di difendere il posto di lavoro. Non molleremo mai. Viva Sant’Efisio, viva il lavoro. Buon 1 maggio 2021 a tutti”. Lo urlano i lavoratori del servizio rimozioni asserragliati nel deposito di viale Monastir a Cagliari ormai da 4 giorni, insieme a Luca Locci dell’Sgb. Dal primo aprile sono in cassa integrazione, la nuova ditta che ha vinto l’appalto non è ancora entrata in servizio ma loro sono tagliati fuori. Dopo decenni di stipendio sicuro, ora regna solo la disperazione. Ma stanno battagliando, e promettono di non andarsene se non dopo aver avuto certezze per il loro futuro.