Assemini, Puddu stupisce ancora: “La foto di Mattarella resta, ma dalla mia scrivania guardo Gigi Riva”

Il sindaco pentastellato posta una foto della visuale dalla sua postazione, da cui si vedono due foto del bomber dello scudetto, ma chiarisce che il ritratto del presidente rimarrà nella sua stanza e in tutti gli altri uffici comunali

di Vanessa Usai

Il sindaco di Assemini, Mario Puddu, non vuole concludere il suo mandato passando inosservato. Rimesse a sventolare le bandiere italiana ed europea sulla facciata del municipio cittadino, che ieri aveva fatto ammainare in segno di protesta contro la decisione del presidente Sergio Mattarella di porre il veto a un governo M5S-Lega, il primo sindaco pentastellato sardo regala una nuova ‘boutade’ nel corso di un’intervista durante la trasmissione radiofonica ‘Radio Anch’io’, su Rai Radio 1. “Mi hanno chiesto se pure io, al pare di alcuni sindaci leghisti, avrei preso iniziative riguardo al ritratto del presidente Mattarella nel mio ufficio. Ho risposto che la cornice rimane al suo posto, ma che comunque la visuale dalla mia scrivania è un’altra”, racconta lo stesso Puddu sulla propria pagina Facebook, postando l’immagine della visuale dalla sua postazione, in cui si vede a destra una fotografia in bianco e nero del bomber del Cagliari dello scudetto, Gigi Riva, e di fronte un’altra foto, sempre di Rombo di Tuono, circondata da vari gagliardetti rossoblù.

L’ingegnere asseminese chiarisce che anche il quadro di Mattarella è ancora presente nella sua stanza, così come in tutti gli altri uffici comunali.


In questo articolo: