Assemini, nessuno rispetta la distanza di sicurezza alle poste: arrivano i vigili

Il metro di distanza necessario per evitare possibili contagi da Coronavirus? Un’optional per chi, oggi, era in fila alle poste davanti al Comune: “Tutti i pagamenti sono stati rinviati, dovete restare a casa”

Le regole anti Coronavirus sono poche e chiare: la distanza di sicurezza di un metro tra le persone è tra le più note, eppure non tutti la rispettano. Ad Assemini, stamattina, fuori dalle poste c’erano molti cittadini in fila tra pagamenti e bonifici da effettuare e pacchi da spedire o ritirare e, come denunciato dal vice sindaco Gianluca Mandas, “ho constatato il non rispetto della fila a distanza di un metro, ed è stato necessario l’intervento dei vigili”, racconta, spazientito. “Non potendo chiudere i negozi di genere alimentare, le 0oste e le banche, vi esorto a evitare la formazione di assembramenti all’ingresso di tali esercizi commerciali e servizi”.

“Vi chiedo di restare a casa e nell’eventualità d’urgenza, rispettare il divieto all’assembramento. In questo momento non c’è nulla di così urgente da pagare, tutte le scadenze sono state rinviate, l’unica cosa di urgente è la vostra salute”. 


In questo articolo: