Apre anche a Cagliari Welldone, burgheria old style

Salita Santa Chiara, 15 – Piazza Yenne

Welldone Burger sbarca per l’estate anche in Sardegna con due
nuovi gourmet restaurant nel cuore pulsante di Cagliari e sulla panoramica per Porto
Cervo a Cugnana. Le due nuove aperture seguono le recenti di Milano Marittima e
Modena e si vanno ad aggiungere ai due ormai noti e molto apprezzati ristoranti di
Bologna.
Segnalata dal Wall Street Journal tra le cinque migliori burgherie d’Europa, Welldone
Burger è apprezzata per la sua proposta di qualità e per gli ingredienti selezionati.

In Sardegna Welldone Burger propone panini preparati con pane artigianale prodotto con
farine biologiche italiane e lievito madre naturale attivo in polvere panificati da Welldone,
carni provenienti da allevamenti locali e non intensivi delle aziende sarde, ingredienti
selezionati e primizie di stagione.

La carne scelta è la razza Sardo Modicana “bue rosso” impiegata sia per la tartare
servita con pane carasau sia per i burger di solo bovino, una carne apprezzata per il suo
gusto prelibato. Il bue rosso è una vacca selvaggia che vive allo stato brado durante tutto
l’anno e la produzione resta in Sardegna dove si mantiene un’alta qualità del bovino
garantito dal Presidio Slow Food. Un’altra razza scelta è la vacca proveniente dell’area di
Oristano detta Arborea, zona famosa per gli allevamenti da carne e latte.

Tutti i burger nascono dalla collaborazione degli chef Welldone Burger e i produttori locali
sardi, per trovare la giusta combinazione tra creatività, bontà e sazietà.
160 gr di carne è considerato da Welldone Burger la porzione ideale per avere una
polpetta buona e salutare, in grado di saziare senza appesantire e insieme gratificare il
palato. Mangiare meno, ma mangiare meglio.

Le proposte come sempre si rivolgeranno anche ai vegetariani e ai vegani, e agli amanti
del pesce protagonisti di alcuni piatti e soluzioni, dall’insalata Baia fino al Fish’n chips
della tradizione inglese.

Sull’isola Sarda, da nord a sud, Welldone Burger offre menù per tutti i gusti. A Cagliari
(Salita Santa Chiara, 15 – Piazza Yenne) nel tessuto storico e nel cuore pulsante della
città tutti i burger sono accompagnati dai classici pani Welldone: Bob (pane bianco con
sesamo), Multicereali (pane integrale e cinque cereali), Senatore (pane con farina
Senatore Cappelli e olio Evo) e Antonietta (pane bianco simile al “pane brioche”).

Per chi non si accontenta ci sono le mini-degustazioni dei Tre Pesciolini, in cui ritroviamo
spada, gamberoni e salmone…per non farsi mancare proprio nulla!
Tre assaggi che si vanno ad aggiungere agli ormai noti Tre Porcellini per assaporare
carne di bovino, suino e mozzarella di bufala.

Una caratteristica di Welldone e del suo menù è la presenza di burger pensati per la città,
“tailor made”, che valorizzano gli ingredienti della tradizione culinaria del posto.
Se a Modena lo chef Cristofaro Basile aveva creato il Modenese (bovino, pesto modenese
e Parmigiano Reggiano) e a Milano Marittima il Romagnolo (suino di razza Mora
Romagnola, squacquerone, rucola), in Sardegna sono stati progettati il Sardo e lo
Spadaccino. Il primo pensato per gli amanti della carne con burger di bovino razza Sardo
Modicana “bue rosso” con zucchine grigliate, formaggio Pastore Sardo. Il secondo per i
golosi del pesce, composto da trancio di spada alla piastra con zucchine grigliate, filetto di
acciuga, pinoli e olive taggiasche.

A Cugnana sulla strada panoramica per Porto Cervo (Strada Provinciale, 73), Welldone
Burger offre tutti i burger classici dal Classic al Welldone passando per il Cheeseburger
con bovino sardo di Arborea accompagnato solo con il pane Antonietta (pane bianco
simile al “pane brioche”). Immancabili in entrambi i Welldone le patate fritte o al forno e gli
appetitosi onion rings, da gustare con birre belghe alla spina Jupiler, Hoegaarden.

“Welldone Burger” è il progetto di burgeria gourmet nato a Bologna nel 2013, risultato di
anni di studio e ricerca. L’obiettivo? Reinterpretare in chiave italiana il tradizionale panino
americano, con un attenzione particolare agli ingredienti: carni locali e di allevamento non
intensivi, farine biologiche e verdure sempre fresche di stagione. Scelte accurate per un
burger “ben fatto”, in grado di saziare senza esagerare, con un impegno anche verso
l’ambiente, grazie ad una giusta gestione e ottimizzazione di sprechi e dell’inquinamento.


In questo articolo: