Alla riscoperta della Luna sulla Sella del Diavolo

Le associazioni Sardegna Sotterranea e Ambiente Sardegna organizzano per venerdì prossimo una escursione notturna per meglio conoscere la Luna

Le associazioni Sardegna Sotterranea e Ambiente Sardegna organizzano per venerdì prossimo una escursione notturna per meglio conoscere la Luna e le superstizioni ma anche la sua influenza per la vita, le maree, i raccolti ed i culti dell’antichità, raccontandola in modo approfondito dall’inizio della sua fase discendente, risalendo le pendici di un colle ricco di storia: Sant’Elia. 

I musulmani ad esempio reputavano la luna un miracolo di Maometto ed è sempre stata considerata influente sulle carestie, i raccolti, la fertilità.

La luna, come approfondiremo, influenza per davvero la vita sulla terra di molte specie viventi, regolandone il ciclo riproduttivo e i periodi di caccia; agisce sulla stabilità dell’asse di rotazione terrestre.

Con l’ausilio di un binocolo astronomico sul promontorio di Sant’Elia sveleremo questi e altri segreti di fronte a un salutareolle aperitivo lunare che verrà offerta agli escursionisti.

Durante la passeggiata che durerà 3 ore, verranno anche illustrati gli aspeti storico-archeologici e ambientali della Sella del Diavolo: storie, leggende e realtà che hanno caratterizzato quest’angolo paradisiaco della città del sole nel quale sorse un tempo dedicato allae dea Astarte (divenuta la Venere dei romani). Una visita che sarà condotta da esperti di storia tra i quali Marcello Polastri, giornalista e scrittore, guida turistica RAS, e da Massimiliano Deidda, biologo e guida ambientale escursionistica RAS.

RADUNO ore 19 piazza Calamosca, al termine del viale omonimo, accanto alle scalette che in discesa conducono nella spiaggia.

Info: www.sardegnasotterranea.org

 


In questo articolo: