Alcol denaturato, prezzi alle stelle a Cagliari e in Sardegna: “Rincari del 300%”

Le confezioni da mezzo litro o un litro del classico alcol “rosa”? “Quasi introvabili e, nell’ultimo periodo, sono stati registrati maxi aumenti dei prezzi, soprattutto nei market: è speculazione”

Utili per pulire e sanificare, tanto più ai tempi del Coronavirus, ma quasi introvabili e con i prezzi decisamente aumentati. Tra i prodotti che hanno subìto un’impennata dei prezzi ci sono l’alcol denaturato ma anche “tutti quei liquidi igienizzanti con una percentuale di alcol di almeno il sessanta per cento, come raccomandato dall’Istituto superiore della sanità”. A dirlo è Giorgio Vargiu, presidente regionale dell’Adiconsum, dopo aver ricevuto varie segnalazioni: “La ricarica principale del prezzo avviene, probabilmente, alla fonte, e poi” trova spazio “nei market e negli esercizi commerciali specializzati nella vendita di prodotti igienizzanti. Oltre al fatto che si tratta di aumenti esponenziali, anche sino al trecento per cento, è pure difficile trovarli in commercio, proprio come le mascherine chirurgiche a sessanta centesimi”, afferma Vargiu. E l’appello, un’altra volta ancora, è lanciato direttamente alla Regione. Nelle ultime settimane, il presidente Christian Solinas aveva più volte annunciato dei controlli mirati a “combattere” il boom dei prezzi di tutta una serie di prodotti.

“Come Adiconsum Sardegna, chiediamo la creazione di un osservatorio regionale con” ramificazioni “nelle quattro provincie, in modo da poter fare tutte le segnalazioni del caso agli organi competenti, come la Guardia di Finanza”.


In questo articolo: