“Al Poetto di Cagliari la turista ladra di conchiglie, ho provato a bloccarla ma è stato inutile”

Il racconto del nostro lettore Massimo Pisano: “Stava riempiendo un bicchiere poco prima dell’ex ospedale Marino, le ho detto che non doveva farlo ma ha fatto finta di non capire. Alla fine ne ha scelto qualcuna ed è andata via, che amarezza”

Un bicchiere di plastica riempito di conchiglie, decine di conchiglie, raccolte sul lungomare cagliaritano del Poetto. Protagonista del gesto, stando al racconto del nostro lettore Massimo Pisano, che lavora proprio a ridosso dei chilometri “adagiati” sul mare: “Una donna straniera, parlava inglese”. Il fatto “è avvenuto oggi, verso le undici del mattino. L’ho notata che stava armeggiando con tantissime conchiglie, mi sono avvicinato e ho cercato di spiegarle che non poteva prendersele”. Per cercare di farsi capire, Pisano le ha detto parole quali “stop, stop, you can’t”. Nulla da fare: “Lei ha fatto finta di non capire, nemmeno quando le ho detto ‘I call police'”. Anzi, la turista, a quel punto, ha iniziato a scegliersi i pezzi più pregiati: “Ha vuotato il bicchierino sulla sabbia e, dopo aver preso qualche conchiglia, se n’è andata come se niente fosse. Sono molto amareggiato”, osserva il lettore, “servirebbero davvero controlli più serrati e severi. Se ognuno si portasse via un paio di conchiglie dal Poetto ogni giorno, cosa resterebbe?”.


In questo articolo: