Aggredisce e percuote la moglie a San Sperate: donna di 34 anni in ospedale

Maltrattamenti a San Sperate, picchia la moglie che però si rifiuta di querelarlo. La donna è ricoverata al SS. Trinità

Maltrattamenti a San Sperate, picchia la moglie che però si rifiuta di querelarlo.

I carabinieri della Compagnia di Iglesias sono intervenuti a San Sperate dove una donna di 34 anni ha segnalato un’aggressione subita dal marito convivente.

Si tratta di una coppia di etnia Rom, già nota all’Arma locale poiché la stessa donna, nel dicembre 2017, aveva già denunciato l’uomo, un 26enne residente in località Sirai a Carbonia ma domiciliato a San Sperate, per maltrattamenti e minacce anche nei confronti delle figlie minori.

Nella nottata trascorsa J.R. ha aggredito la moglie procurandole lesioni per 30 giorni: la donna si trova tuttora ricoverata all’ospedale Santissima Trinità di Cagliari nel Reparto di Chirurgia. La vittima ha riferito di non voler querelare il marito: alla luce dei pregressi però, e di altri certificati raccolti dai carabinieri nel corso delle celeri indagini, si è proceduto d’ufficio ad indagarlo per maltrattamenti in famiglia e lesioni, richiesta di idonea misura cautelare.

Inoltre J.R., che subito dopo l’aggressione si era allontanato dal luogo dei fatti, ha fatto spontaneamente ritorno a bordo di un’auto: leggerezza che gli costerà caro, atteso che non è provvisto di patente di guida e che si trovava in stato di ebbrezza alcolica. Dalla successiva perquisizione è stato trovato in possesso di due coltelli e di un bastone, tutti motivi che hanno portato ad ulteriori deferimenti all’Autorità Giudiziaria.


In questo articolo: