Addio, Raffaele:muore a Roma il malato di Sla che protestava con Usala

Raffaele Pennacchio aveva manifestato anche ieri notte per i diritti dei malati, nella delegazione insieme a Salvatore Usala

La notizia terribile arriva a fine mattinata: è morto uno dei malati di Sla protagonisti ieri notte della clamorosa protesta a Roma insieme a Salvatore Usala. Uno dei primi a dare la notizia è sul social network Marco Espa che scrive: “Ciao Raffaele Pennacchio… che notizia dolorosa, ieri insieme, oggi… te ne sei andato ieri sera improvvisamente, felice del risultato…subito dopo l’ultima battaglia vincente, dopo essere uscito insieme a Salvatore, Mariangela Tornado, Giuseppina, dalla delegazione trattante con il Governo…Un fortissimo abbraccio a tutti voi, uno per uno, la battaglia continua anche in nome di Raffaele. (ieri 23 ottobre 2013 – Tavolo delle trattative con il Governo – Raffaele Pennacchio al centro della foto)”. Raffaele Pennacchio, 55 anni, di Macerata Campania (CE), medico malato di Sla e componente del direttivo del Comitato 16 novembre onlus, è morto ieri sera a Roma in albergo dopo l’incontro con il governo e il presidio sotto il Mef.


In questo articolo: