Zedda, un amministratore di condominio nella città super tassata

L’analisi di Roberto De Santis, ex punto di riferimento del M5S sardo: “Zedda pensa a riverniciare i palazzi mentre dentro i palazzi i residenti muoiono di fame. Manca completamente la visione economica della nostra bellissima città. Vi do i numeri dei cantieri aperti e delle tasse che paghiamo” 

di Roberto De Santis- ex riferimento del M6S sardo

Questi bei lavori di “imbellettamento” di Cagliari in previsione delle elezioni amministrative 2016, dove tutti i nodi verranno al pettine chi li paga? Genericamente il sindaco ‪#‎birretta‬ parla di fondi europei ma è proprio così? Dopo ‪#‎oratoccaanoi‬ dove avrebbero dovuto, a loro dire, rivoluzionare la città, vediamo come è andata ad oggi:

1) Le spese correnti pro-capite sono aumentate di 127 euro, passando da 1296Eu del 2011 ai 1424Eu pro-capite del 2013 (la media nazionale è circa 1000Eu !!);
2) La gestione dei rifiuti incassa ora dai cittadini circa 48 milioni di euro, a fronte di una spesa rimasta invariata;
3) I tributi locali sono aumentati notevolmente, passando da 581Eu pro-capite nel 2011 ad 889Eu nel 2013, con un aumento percentuale di circa il 50%, attendiamo i dati 2014.

Questi sono soltanto alcuni indicatori di una amministrazione che ora cerca di “intortare” i cittadini con rotonde, giardinetti, Palazzo “pittato” a nuovo, come dire….i condomini non hanno manco i soldi per mangiare e l’amministratore pensa a riverniciare il palazzo e sistemare le piazzole, e questo solo nell’ultimo anno, giusto per far vedere di aver combinano qualcosa che giustifichi il suo lauto compenso.

Cagliari è una città meravigliosa, dalle potenzialità enormi e con problemi gravi e urgenti, ma che questa amministrazione non ha minimamente individuato, schermandosi dietro il ruolo del sindaco, che a sua detta, non deve trovare soluzioni ma occuparsi della gestione comune. Insomma, una visione da Amministratore di Condominio!

Che dire…forse era meglio che “NONTOCCASSEALORO”.


In questo articolo: