White Cafè, il Comune impone lo stop alla musica live dopo le 22

I titolari: “Incredibile accanimento dell’amministrazione nei nostri confronti, ci vogliono costringere a chiudere”. E nei paraggi stranamente abita un dirigente del Comune

Stop a qualsiasi diffusione musicale dopo le 22. Il divieto è contenuto in una diffida indirizzata al locale “White Cafè” di via Sonnino venerdì scorso, la seconda ricevuta in quasi tre anni di attività. Secondo i gestori del lounge bar si tratta di “un accanimento” nei loro confronti, dopo le segnalazioni per inquinamento acustico da parte di un solo residente: a detta dei titolari del locale si tratta di un dirigente comunale. “In quattro mesi abbiamo ricevuto oltre settanta controlli da parte delle forze dell’ordine – spiega Marco Barbarossa – Poi l’obbligo di non fare musica dal vivo, e ora addirittura una diffida che ci impone lo stop a qualsiasi tipo di diffusione sonora: così ci vogliono costringere a chiudere”.

La prima diffida risale a maggio dell’anno scorso, seguita da delle rilevazioni da parte della Asl da cui risultavano dei livelli di rumore leggermente al di sopra dei parametri concessi.  “Ci siamo adeguati da subito – continua Marco Barbarossa – riducendo le serate settimanali e anticipando l’orario di stop  alla musica dal vivo, con tutti i danni che questo ha comportato dal momento che i nostri clienti arrivano nel locale intorno alle 22”. Nel frattempo è partito un procedimento penale per inquinamento acustico, ancora in corso, nei confronti del locale di via Sonnino. E sono scattate due multe da oltre mille euro. “E’ una persecuzione – aggiunge Barbarossa – Non è possibile lavorare così, eravamo il punto di riferimento di Cagliari per la musica dal vivo e ora rischiamo di chiudere e far perdere il lavoro ai nostri sei dipendenti: siamo vittime di un sistema clientelare. Che si facciano regole certe e poi tutti ci adegueremo”. Dall’altra parte il Comune fa sapere di essere in attesa della documentazione che certifichi l’ottemperanza dei gestori del locale alle disposizioni imposte dalla Asl.


In questo articolo: