Virus, l’Italia verso la zona rossa per Natale e Capodanno: ipotesi lockdown sino all’Epifania

Si va verso uno “stop” totale, la comunicazione fatta dal Governo alle Regioni sembra lasciare poco spazio di manovra. Paese blindato per le feste, forse sino al 7 gennaio, con bar, ristoranti e negozi chiusi e spostamenti vietati. Ore decisive per la scelta

Un’Italia tutta rossa, per Natale e Capodanno, con un allungamento sino al sette gennaio, cioè blindatura totale dal 24 dicembre all’Epifania. È questo l’ultimo aggiornamento che arriva, fornito dal Governo alle Regioni nell’incontro che ha dato il via libera al piano sui vaccini. Italia tutta rossa, quindi, con spostamenti vietati e bar e ristoranti chiusi, oltre alla maggior parte dei negozi. A riportarlo è l’agenzia Agi e anche il nostro giornale partner Quotidiano.net. Il ministro Speranza, secondo quanto viene riferito, ha ricordato come nelle Regioni entrate in zona rossa ci sono stati significativi risultati, mentre gli altri territori in zona gialla hanno sofferto maggiormente. Troppo pericoloso – questo il ragionamento di Speranza e di Boccia – restare aperti nelle festività natalizie. Il presidente della Regione Veneto Zaia si è detto d’accordo, mentre alcune Regioni come la Toscana hanno frenato. Ma diversi governatori hanno sottolineato – sempre secondo quanto viene riferito – che c’è il pericolo anche di questo weekend, perché tra sabato e domenica si concentreranno gli spostamenti e gli acquisti natalizi nei negozi con il pericolo di assembramento.
Il Cts, già ieri, ha chiesto una stretta sui bar e ristoranti. Il premier Conte vedrà nelle prossime ore i capi delegazione dei partiti: sono ore cruciali per capire che tipo di feste saranno, dal punto di vista di regole e divieti, in tutta Italia.


In questo articolo: