Virus, la Sardegna lontana dal lockdown e in zona “gialla” grazie all’indice Rt: 1,24

L’isola mantiene le misure meno “pesanti” legate alle restrizioni. L’indice di contagio sale ma i livelli di rischio, registrati in altre regioni, rimangono ben distanti

L’indice Rt della Sardegna è di 1,24, quello medio di tutta l’Italia a 1,7. Il report dell’Iss va dal 26 ottobre all’uno novembre. Prima, l’Rt sardo era a 1,12. Un rialzo c’è stato, ma non c’è il tanto per portare il Governo e il ministero della Salute a cambiare il “colore di allerta” dell’Isola. Che continua a restare quello più basso, cioè giallo. Che significa, principalmente: coprifuoco dalle 22 alle 5, bar e ristoranti in semi-lockdown dalle diciotto, bus pieni per metà, didattica a distanza solo alle superiori e piscine, palestre, musei e cinema chiusi. Nell’ultimo monitoraggio dell’Iss, pubblicato un’ora fa nel sito del ministero della Salute, i contagi ufficiali nell’Isola dal 26 ottobre al primo novembre sono stati 1723.

 

Nell’Isola, sempre stando all’ultimo report, tra gli ultimi sei gironi di ottobre e il primo di novembre si ha avuto un’incidenza dei casi di Covid-19 pari a 105,67 per centomila abitanti. Numeri ancora distanti dalle regioni “arancioni” e da quelle “rosse” aumentate dopo la più recente infornata di dati.


In questo articolo: