Villaspeciosa, festeggiamenti in onore di San Platano e Sant’Antioco

Dal 25 al 31 agosto il Comitato rinnova la tradizione con una settimana di festa dedicata ai due Santi

Tutto pronto per i festeggiamenti in onore di San Platano e Sant’Antioco. La festa di San Platano si svolge in genere l’ultima domenica di agosto, mentre il giorno dopo si festeggia Sant’Antioco. Prima di questi due giorni ci sono delle attività festive civili preparatorie alla festa. «In passato, per aumentare la capienza della piccola chiesetta», dice Giovanni Addari, presidente del Comitato organizzatore, «si pensò di allargarla costruendo, sui lati anteriori e laterali, un pergolato di frasche di ontano ( legna di fiume che in sardo si chiama “Abiu”). Pertanto, il martedì, chiamato “su matisi ‘e su pai” si preparava il pane per gli uomini , “carradoris” e “segadorisi”, che il mercoledi mattina partivano verso Cixerri per tagliare le frasche. Il rientro avveniva il venerdi chiamato “su xenabara de s’Abiu”, tutti venivano accolti dalla popolazione all’ingresso del paese “in sa ia de Cixerri” per il rito de su “murtzu” a base di pane e formaggio. Si procedeva quindi tutti insieme verso la chiesa con canti sardi e trallalera. All’arrivo si allestiva “su stabi” davanti alla chiesa, a seguire “sa maccarronada” a base di spaghetti con sugo di carne gallina per tutti i partecipanti. Ancora oggi tutto si svolge in maniera identica al passato. “Sa di de s’abiu” è per tutti gli speciosesi un giornata di festa alla quale non si può rinunciare». La domenica e il lunedi vengono portati in processione per le strade del paese i due Santi festeggiati. «Organizzare una settimana di festeggiamenti», continua Addari, «è una cosa molto impegnativa che richiede impegno notevole durante tutto l’anno. Il comitato organizza degli eventi per la raccolta dei fondi necessari. Negli ultimi anni è diventato sempre più difficile trovare persone disponibili per organizzare il tutto. Quest’anno si rischiava seriamente di far saltare la festa. Infatti, il presidente 2015 nominato dal precedente comitato ha dato le dimissioni con tutto il gruppo. E verso marzo-aprile dopo vari tentativi di ricreare il Comitato, io e un piccolo gruppo di altre sette persone ci siamo volontariamente offerti per fare in modo che questo bellissimo rito si ripetesse ancora. Oltre al nostro impegno è stato fondamentale l’aiuto della popolazione, dell’Amministrazione comunale, della Pro loco col gruppo de “Is segadoris” e di altre persone che hanno contributo sia economicamente che fattivamente. In futuro ci auspichiamo la costituzione di un’associazione che, con la collaborazione della Pro loco, garantisca il futuro di questa bellissima settimana di festa. Tutto questo per fare in modo che ogni anno si rinnovi il miracolo di San Platano, per farci incontrare tutti (emigrati compresi) alla sua festa».

Ecco il programma civile e religioso della festa che si svolgerà dal 25 al 31 agosto 2015:

Martedi 25/8: Sa dì de su pani. Con inizio alle ore 21.00 serata tradizionale con distribuzione del pane, fatto a mano, a tutta la popolazione. Ore 21.30  serata danzante con “Diego e le sue girls”.

Giovedi 27/8: alle ore 21.30 serata con la tradizionale commedia dialettale con attori del paese.

Venerdi 28/8: Sa dì de s’ abiu. Alle ore 10.00  arrivo dei carri con le frasche di Abiu e accoglienza della popolazione con canti, balli e tradizionale “murtzu” a base di pane e formaggio per “is carradoris e carrattoneris”. Arrivo in processione festosa con canti a trallallera e balli nelle varie piazze del paese fino alla piazza antistante la chiesa di San Platano. Alle ore 12.00  preparazione de “su stabi” e, a seguire, “maccarronada” per tutti. Infine, alle ore 21.30  serata Musicale e intrattenimento con il gruppo “Happy Days”.

Sabato 29/8:  ore 21.30  serata musicale con gruppo di liscio “Rose rosse”.

Domenica 30/8: ore 17.30. – Processione e Santa messa in onore di San Platano. Ore 21.30  serata musicale etnica con il gruppo “I Nur e Antonio Pani”

Lunedi 31/8: ore 17.30 processione e Santa messa in onore di San Antioco. A seguire alle ore 21.30 serata musicale e cabaret con i “Lapola”.