Villasor, carabinieri sventano furto di armi e gioielli: arrestati 3 rom

Trovati 4 fucili e munizioni in una casa abbandonata a Su Crabili. Gli autori del furto delle armi hanno un chiaro collegamento con la banda che ieri pomeriggio dopo una fuga a bordo di un’auto sono stati arrestati a San Gavino. La refurtiva restituita al proprietario. Due rom in carcere, uno ai domiciliari

Trovati 4 fucili e munizioni in una casa abbandonata a Su Crabili. All’alba di oggi i carabinieri della Stazione di Villasor, durante le indagini iniziate ieri in seguito ad un grave furto di armi in un’abitazione accaduto in paese, hanno eseguito degli accertamenti in zona e ispezionato diverse aree rurali abbandonate come casolari ed ovili.
Nei pressi di una struttura diroccata in località Su Crabili, hanno trovato, nascosti nella vegetazione, 4 fucili da caccia e le munizioni.
Le armi recuperate assieme a i colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Sanluri,  sono state poi sottoposte a rilievi dattiloscopici per la ricerca di impronte.
Ma le indagini sono andate avanti. Ed è stato accertato che gli autori del furto dei fucili avevano un chiaro collegamento con la banda di soggetti che ieri pomeriggio dopo una fuga a bordo di una fiat Croma sono stati arresati dai carabinieri della Stazione di San Gavino Monreale e della Compagnia di Villacidro.

Infatti lì i carabinieri avevano scoperto nell’auto utilizzata dai malviventi anche dei gioielli in oro. Con un rapido coordinamento dei due reparti dell’Arma i gioielli sono stati riconosciuti dalla vittima. L’intera refurtiva quindi è stata restituita al proprietario e gli autori del furto, questa mattina, dopo la convalida dell’arresto, sono stati sottoposti a misura cautelare: due sono stati trasferiti nel carcere di Uta ed uno è stato sottoposto agli arresti domiciliari a Ploaghe.


In questo articolo: