“Falsa la notizia del turista positivo al covid a Villamisus. Territorio in difficoltà: basta bugie”

Sfogo del sindaco Dessì nel proprio profilo Facebook: “E’ un’estate particolarissima dove queste notizie non fanno altro che intimorire le persone. Il calo del turismo che stiamo avendo è pari al 75% sul territorio ed è già una notizia abbastanza grave. Parcheggi più cari? Solo a Porto Sa Ruxi per fermare il sovraffollamento in spiaggia”

“La notizia della positività al covid-19 di un turista a Villasimius è falsa: è un’estate particolarissima dove queste notizie non fanno altro che intimorire le persone. Il calo del turismo che stiamo avendo è pari al 75% sul territorio ed è già una notizia abbastanza grave”. Duro sfogo da parte del primo cittadino di Villasimius Gianluca Dessì che esprime il suo rammarico riguardo la voce diffusa ieri, smentita dai dati ufficiali dell’ATS, di un caso di covid-19. Il calo del turismo registrato sino a oggi è senza dubbio preoccupante e “soprattutto i fruitori del paese  apprendendo notizie fuorvianti può decidere di andare in altri in altri lidi piuttosto che venire da noi”. Aggiunge Dessì: “non credo sia il caso di continuare a dare questo tipo di notizie per mettere in difficoltà un territorio che già è in ginocchio”.

Il sindaco affronta anche altre tematiche, quella dei rifiuti, del “caro parcheggi” e la gestione degli assemblamenti in spiaggia.

Ieri è stato constatato che, durante il ritiro dell’umido, in diverse oasi ecologiche di alcuni condomini sono stati riscontrati sacchi non differenziati. “Questa settimana sono stati ritirati ma se dovesse succedere nuovamente ci siamo messi d’accordo affinché quei rifiuti rimangano lì a vita natural durante. Ricordo tra l’altro che il paese  è dotato di telecamere e stiamo rintracciando, monitorando e sanzionando diverse persone sia per quanto riguarda le infrazioni del codice della strada che per l’abbandono dei rifiuti”.

Altro argomento scottante, il “caro parcheggi” : in seguito alle lamentele ricevute, Gianluca Dessì specifica che i  parcheggi hanno lo stesso ticket che si pagava l’anno precedente. “L’unica spiaggia dove è stato aumentato il ticket è quella di Porto Sa Ruxi perché abbiamo un problema di sovraffollamento della spiaggia e abbiamo dovuto contingentare. Sembrerà strano ma attraverso un ticket un po’ più alto riusciamo a controllare meglio il territorio”.

Per quanto riguarda la gestione degli assembramenti in spiaggia, vi è un progetto con delle associazioni che andranno a controllare il territorio e consigliare il corretto posizionamento degli ombrelloni ai bagnanti. “Il problema covid è molto grave e le possibilità sono due: o lasciare il territorio aperto come è ora e quindi dare la possibilità agli imprenditori di lavorare oppure chiudere tutto e vivere di stenti.

Dobbiamo convivere con questa situazione ed evitare il più possibile i contagi”. Conclude il sindaco “però se dovesse succedere non è un problema: sì affronterà così come abbiamo affrontato tutto il lockdown, senza creare problemi alla cittadinanza e ai turisti”.


In questo articolo: