Villaputzu, nuovi alberi e più raccolta differenziata: “Codice a barre su tutti i rifiuti”

Non più solo sul secco: il sindaco Sandro Porcu annuncia l’estensione del sistema per una tariffazione puntuale della Tari

Di Vanessa Usai

Nuovi alberi nel futuro parco giochi di Santa Maria, a Villaputzu, e a piantarli saranno volontari, insegnanti e bambini delle quinte classi della scuola primaria. Continua la svolta ‘green’ voluta dall’amministrazione del sindaco Sandro Porcu, iniziata nel 2015 con l’introduzione della giornata ecologica di pulizia delle spiagge e della giornata di pulizia dei siti archeologici, entrambe con il supporto di studenti e altri cittadini volontari.

L’iniziativa “Semi di Condivisione – Progetto di Sensibilizzazione alla Sostenibilità Ambientale”, organizzata dall’Istituto Comprensivo di Villaputzu, è in programma per sabato 17 marzo. Bimbi e volontari si occuperanno di piantumare i nuovi alberelli, offerti dall’Agenzia Forestas, nell’area destinata a diventare il futuro parco giochi del quartiere, ma anche di raccogliere, differenziare e riciclare i rifiuti presenti nell’area. L’invito a prendere parte all’evento è rivolto a tutto il quartiere e all’intera cittadinanza, con appuntamento alle ore 9,00 a Santa Maria in piazza Chiesa. “La scuola è fondamentale per l’educazione delle nuove generazioni sulle tematiche ambientali e dei rifiuti”, dice il sindaco Porcu.

Villaputzu ha da tempo adottato anche il sistema della raccolta differenziata dei rifiuti, e più recentemente l’inserimento del codice a barre per il secco. “Il codice a barre funziona – afferma Porcu – e prevediamo di estenderlo anche alle altre tipologie di rifiuti, con l’obiettivo di arrivare a una tariffazione puntuale della Tari”. Il sindaco plaude ai suoi concittadini, ma bacchetta quelli meno virtuosi: “C’è una buona sensibilità da parte dei cittadini, anche se registriamo ancora qualche caso di abbandono di rifiuti nelle nelle campagne, soprattutto d’estate, ma anche nelle altre stagioni, dunque presumibilmente si tratta di residenti”.

Attraverso il progetto per il Servizio Civile Nazionale, quattro giovani si occuperanno presto, in Comune, di ambiente e sostenibilità ambientale.