Video porno su Fb, cagliaritani taggati: interviene Agente Lisa

Il profilo Fb della Polizia di Stato: si tratta di un virus molto pericoloso

E’ allarme per il virus che da qualche settimana circola su Facebook dove anche a Cagliari tanti ignari utenti si sono ritrovati “taggati” a loro insaputa in video o fotografie pornografici. Dopo le segnalazioni delle scorse settimane interviene anche “Agente Lisa”, uno dei profili FB della Polizia di Stato, che mette in guardia gli utenti dal pericoloso virus che si installa sui computer se si cliccano quei link.

“È di questi giorni la segnalazione di un nuovo ‪#‎virus che si diffonde tramite i profili ‪#‎Facebook ”, scrivono le forze dell’ordine. “Vi ritrovate taggati in un video o in una foto da un vostro amico (si tratta quasi sempre di pornografia) solo che il vostro amico non ne sa nulla e se, incuriositi, cliccate sul link, il vostro pc sarà infettato da un virus. Si tratta – spiega il profilo Fb Agente Lisa – di un programma malevolo che si insinua nel computer e tra i vari effetti può carpire anche i dati sensibili. Questo virus, inoltre si può trasmettere da contatto a contatto, ad esempio si può insinuare nella chat, quindi se chattate con un amico “infetto” potreste essere infettati anche voi”.
Come difendersi?
La Polizia consiglia di fare attenzione non sol al pc ma anche agli smartphone (il virus si può diffondere anche sui telefonini) e soprattutto di evitare sempre di cliccare su link che vi sembrano strani, anche se provenienti da un amico che difficilmente vi taggherebbe in un video porno sulla sua bacheca. 

Si consiglia inoltre l’installazione di  un buon antivirus aggiornato e di usare il passaparola con i propri contatti di Facebook. “Una buona idea è quella di scrivere un post sulla vostra bacheca dicendo a tutti gli amici che non avete taggato nessuno su video o foto e di non aprire link inviati a vostro nome perché si tratta di un virus.Oppure – conclude “Agente Lisa” – condividete questo post. Pochi accorgimenti che sicuramente basteranno a salvaguardare il vostro computer”.


In questo articolo: