Vergogna arbitri: rigore regalato al Milan, il Cagliari perde ancora

Un rigore inventato a favore del Milan spinge il Cagliari di Zeman verso la serie B nonostante la buona prestazione nella ripresa. Si avvera la profezia del giornalista Nanni Boi che in settimana aveva detto: attenzione a Menez…e all’arbitro

Un rigore inesistente regala la vittoria al Millan di Galliani e spinge il Cagliari verso la serie B. Nel secondo tempo il fattaccio che farà discutere: sul 2-1 in favore del Milan Joao Pedro centra la traversa, ennesimo segno di un destino maledetto. Sul ribaltamento di fronte Cerci viene steso da Ceppitelli, ma almeno 50 centimetri fuori dall’area. L’arbitro assegna il rigore poi trasfiormato da Menez per il decisivo 3-1. Si è avverata la profezia del giornalista Nanni Boi, che in settimana aveva detto di fare grande attenzione a Menez e…all’arbitro.

Il Cagliari era partito bene nei primi dieci minuti, poi il primo gol di Menez ha tagliato le gambe alla squadra. Ma nella ripresa con Joao Pedro al posto di un disastroso Gonzalez si è visto un latro Cagliari, che ha pareggiato con uno splendido slalom di Farias, per poi subire il 2-1 poco dopo con un tiro acrobatico di Mexes. Sotto accusa ancora una volta la difesa rossoblù che anche oggi ha subito tre reti e nel finale ha rischiato il tracollo, salvata due volte da Brkic. ma pesa sulla partita quel rigore decisivo, oltre alle molte occasioni fallite dal Cagliari che non ha un uomo gol. Ora non resta che sperare nel crollo dell’Atalanta che domani gioca a Napoli, ma conserva 4 punti più del Cagliari con gli scontri diretti a favore.  


In questo articolo: