Vendemmia amara per un pensionato: pagherà una multa da 19.500 euro

Quella che doveva essere una festa si è trasformata in una pessima giornata: una pesantissima sanzione per lavoro “in nero”.

E’ successo in un paese della provincia di Cuneo. Ma a questo punto può accadere dovunque. Ormai si sa e lo fanno tutti: nel periodo della vendemmia è tradizione chiamare amici e parenti per raccogliere l’uva dai vigneti e festeggiare  poi tutti insieme con una bella tavolata. Secondo quanto riportato dal quotidiano torinese “La Stampa”, un pensionato della provincia di Cuneo ha contattato alcuni amici per aiutarlo a vendemmiare. Mentre, ridendo e scherzando, tagliavano i grappoli dell’uva per deporli nei cesti, ecco che sono arrivati sul posto due funzionari dell’Ispettorato del Lavoro, che hanno chiesto i documenti ai “lavoratori” e subito dopo hanno redatto un verbale di denuncia di lavoro in nero. Una brutta tegola per il povero pensionato piemontese che dovrà pagare una pesantissima sanzione di 19.500 euro. Una cosa è certa: questa vendemmia se la ricorderà per tutto il resto della sua vita.