Variante inglese e boom di contagi di Covid, Sarroch a rischio lockdown

Il sindaco Mattana: “Oltre all’aumento dei casi di positività, con la presenza di variante inglese, registrati sino ad oggi, è arrivata la notizia di ulteriori casi riferiti agli ultimi tamponi. L’aumento dei casi potrebbe incidere sul dato epidemiologico regionale. L’Ats indicherà nuove misure restrittive. E’ inevitabile”

Preoccupa a Sarroch la variante inglese da Covid. Il sindaco Mattana annuncia nuove misure restrittive, oltre alla chiusura di parchi, piazze e scuole. Il paese ora rischia il lockdown. “Come sapete la situazione epidemiologica nel nostro Comune ha evidenziato nell’ultimo periodo un aumento significativo della diffusione dei casi di infezione da covid-19 nella popolazione”, ha scritto il primo cittadino nella propria pagina Facebook.

“Questa sera abbiamo ricevuto comunicazione dall’Assessorato Regionale alla Sanità che l’unità di Crisi ha esaminato la situazione di criticità del nostro Comune che presenta, purtroppo, le condizioni di un rapido peggioramento con la probabilità di un ulteriore incremento della diffusione del virus.

Si è preso atto che sono state poste in essere diverse misure da parte del Sindaco per contrastare la diffusione del virus, da ultimo l’Ordinanza di proroga della sospensione della didattica in presenza in tutte le scuole e chiusure di parchi, piazze cittadine ed altri spazi, ma tali azioni, purtroppo, si sono rivelate insufficienti a contenere la diffusione dei contagi e l’aumento dei casi potrebbe incidere sul dato epidemiologico regionale.

Infatti, oltre all’aumento dei casi di positività, con la presenza di variante inglese, registrati sino ad oggi, vi è notizia di ulteriori casi riferiti agli ultimi tamponi.

Quindi, ci è stato preannunciato che, sulla base di tali dati, verrà effettuata una valutazione del rischio e poi l’ATS indicherà di adottare misure restrittive adeguate per contrastare la diffusione del virus.

Purtroppo, nonostante si sia cercato di evitare ulteriori restrizioni pare allo stato, visto l’ulteriore peggioramento della situazione epidemiologica, sia inevitabile”.

 


In questo articolo: