Vandali scatenati contro il ristorante di Cortexandra: “Lanci di uova e sigarette e vetrate rotte”

Lancio di uova e di cicche di sigarette, vetrate rotte. E non solo. Questo è quanto denuncia Davide Portas, uno dei titolari del ristorante “Cortexandra” situato a Sestu, che da tempo deve far fronte a spiacevoli episodi di vandalismo contro il suo locale. I responsabili sembrerebbero essere, a quanto riferisce il titolare, alcuni condomini dei palazzi limitrofi al ristorante

Lancio di uova e di cicche di sigarette, vetrate rotte. E non solo. Questo è quanto denuncia Davide Portas, uno dei titolari del ristorante “Cortexandra” situato a Sestu, che da tempo deve far fronte a spiacevoli episodi di vandalismo contro il suo locale. I responsabili sembrerebbero essere, a quanto riferisce il titolare, alcuni condomini dei palazzi limitrofi al ristorante. “Capisco che la nostra attività possa dar fastidio a qualcuno, capisco che sempre a qualcuno non possiamo essere simpatici, che l’obbiettivo sia forse di farci chiudere – spiega Davide Portas – capisco veramente tutto e ho cercato grazie all’amicizia con alcuni condomini di venire incontro ai vostri disagi il più possibile.
Se ricordate il problema della musica, gli scorsi anni era tre volte superiore ad oggi (la stacchiamo a mezzanotte anche se molto spesso veniamo accusati di spegnere alle 3 del mattino ovviamente chi dice certe fesserie non capisce che la musica non proviene da noi ma da parcheggi adiacenti dove un gruppo di ragazzi si riunisce con le auto che hanno impianti audio preparati) abbiamo cercato di limitare la cosa con i mezzi appropriati acquistando un limitatore di decibel facendolo tarare da un ingegnere ai termini di legge ma ovviamente ci sono giorni in cui si può sentire di più a causa del vento; il problema legna è stato risolto, il problema canna fumaria è stato risolto, il problema parcheggi è stato risolto.
Ma non posso mettere un cerotto in bocca ai clienti perché disturbano quando parlano o ai bambini che giocano. La nostra attività si svolge dalle 20 alle 00. Chiedo solo di avere un po di pazienza e di venirci incontro; poi quando il ristorante è chiuso qualcuno può dirmi che colpa ne abbiamo noi se delle persone che, tra l’altro possono essere totalmente estranee alla nostra attività, si fermano a parlare nei parcheggi o nel piazzale?
Capisco che abbiate speso tanti soldi per acquistare le vostre case ma ne abbiamo speso tantissimi anche noi per creare il ristorante e con tanti sacrifici e vorremmo semplicemente trovare un modo per coesistere.
Siamo a vostra completa disposizione per cercare di capire come venirvi incontro e disturbarvi il meno possibile ma la buona volontà dovrebbe esserci anche da parte vostra. Anche da parte di qualche condomino un minimo di civiltà non guasterebbe.
Abbiamo i gazebo tutti bucati dalle sigarette gettate dal palazzo, le vetrate tutte spaccate da lanci di pietre o colpi di spranga. Viene lanciato di tutto verso il ristorante; recentemente una bottiglia di vetro  ha sfiorato una bambina, placche in acciaio, tazzine, piatti, cibo, acqua e  varechina, buste di immondizia piene di rifiuti, feci di animali domestici(tutte cose che tra l’altro se prendono qualcuno in testa rischierebbero di fargli veramente male) diffamazione continua con recensioni false, telefonate di minacce nei nostri confronti, danneggiamenti evidenti alle attrezzature e furti.
Ieri è stato tirato di tutto: uova, pomodori, susine e due secchiate d’acqua di cui una ha preso in pieno un bambino. Sono disponibile a un un’incontro insomma a qualunque cosa possa risolvere in maniera civile e equa questa situazione”.


In questo articolo: