“Vado al mare al Poetto, a Villasimius e Solanas e fumo senza problemi: la spiaggia è di tutti”

Alessio Loi ha 23 anni ed è d’accordo a metà con il possibile divieto di fumare nella spiaggia di Cagliari: “Spengo sempre le sigarette dentro un bicchiere pieno di sabbia, nessun bagnante si è mai lamentato. Se vogliono vietare il fumo al mare basta che creino una zona di spiaggia per noi fumatori”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA. Siete d’accordo?

Il mare sardo lo conosce bene, Alessio Loi: “Il Poetto, certo, ma anche Villasimius, Solanas e tutta quella parte del litorale”. Ha 23 anni e, in media, fuma “tra le dieci e le dodici sigarette al giorno, vorrei smettere ma è difficile. In spiaggia potrebbero creare delle zone dedicate ai fumatori per non infastidire chi non fuma, e magari organizzarsi anche un pochino con dei posacenere. Io mi arrangio riempiendo di sabbia un bicchiere di plastica, quando me ne vado lo porto via e lo getto nella spazzatura”, spiega Loi. “In tanti anni non ho mai ricevuto nemmeno una lamentela d parte di altri bagnanti”, neanche da chi, non fumatore, si trovava a pochi centimetri da lui. Inoltre, “siamo comunque in un’area aperta, un divieto sarebbe davvero troppo stringente, bisogna cercare il modo per adattarsi”.

Uno potrebbe essere, appunto, quello di creare zone dove i “fumatori in costume” possono dar sfogo al loro vizio in tutta libertà. “Piccole porzioni di spiaggia riservate”, suggerisce Loi, che riconosce che “molti fumatori, purtroppo, gettano le cicche nella sabbia. A Cagliari, poi, non sono per nulla sufficienti i cestini della spazzatura nei quali poter buttare anche i mozziconi delle sigarette”.


In questo articolo: