Vaccini, l’assurda situazione in Sardegna: “Vogliono farci vaccinare gratis ma non ci sono le dosi”

L’accusa di Marina Fancellu, segretaria regionale del Sindacato Medici Italiani: “Siamo mille, la questione economica non è quella principale: il problema grave è che non vengono consegnati i vaccini”

La campagna vaccinale in Sardegna non decolla. A Radio CASTEDDU Marina Fancellu, segretaria regionale del Sindacato Medici Italiani della Sardegna: “Per il momento siamo molto marginalizzati tranne qualche buona volontà che ci può essere, ma è un’eccezione. Nella maggior parte dei punti vaccinali o delle postazioni hub non possiamo vaccinare e, tanto meno, non riusciamo, o qualcuno ci riesce con molta difficoltà, ad avere la consegna delle dosi per poterle somministrare ai pazienti a domicilio. È un problema, l’accordo, tra l’altro, prevedeva anche l’adesione su base volontaria della continuità assistenziale (le guardie mediche) che potevano partecipare alla somministrazione e invece veniamo a completamente esclusi. È presente qualcuno di buona volontà, diversi pensionati e basta: il resto è tutto personale dipendente ai quali giustamente viene riconosciuta una prestazione aggiuntiva, remunerata”.
“A noi ci vorrebbero, ma gratis, per fare tutta la parte burocratica: è giusto che si faccia, ma è giusto che si facciano le inoculazioni. Si possono organizzare punti vaccinali nei piccoli centri, due o tre paesi dove i sindaci si mettono d’accordo e mettono a disposizione un locale con, anche, dei volontari che mantengono l’ordine riguardo gli assembramenti. All’interno possono andare a lavorare i medici di base e invece tutto questo non è concesso perché a noi, medici di base, non ci vogliono far partecipare a questa campagna vaccinale. Numericamente siamo circa un migliaio di medici di base, non c’è di mezzo una questione di economica, è laterale alla questione. Il problema che resta grave è che non vengono consegnati i vaccini”.
Risentite qui l’intervista a Marina Fancellu del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanu
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: