Uta, l’assassino di Mirko Farci tenta il suicidio: Masid Shahid salvato dagli agenti

Il pakistano che ha ucciso il 19enne a Tortolì, e accoltellato l’ex, ha cercato di farla finita nel carcere, alle prime luci dell’alba. È vivo solo grazie al pronto intervento delle guardie: “Vanno premiate”

Ha cercato di togliersi la vita nella sua cella di Uta Masih Shahid, il pakistano trentenne che ha ucciso a Tortolì il piccolo Mirko Farci, 19 anni, e tentato di uccidere la sua ex, la 52enne Paola Piras. È vivo solo grazie alla prontezza degli agenti che si trovavano in turno nella struttura penitenziaria tra lunedì e martedì scorsi. Il tentato suicidio è avvenuto alle prime luci dell’alba, come conferma a Casteddu Online il segretario regionale della Fns Cisl, Giovanni Villa: “Gli agenti sono riusciti a salvarlo”. È stato il suo compagno di cella a lanciare l’allarme e a chiamare aiuto dopo aver visto Shahid cercare di impiccarsi con un lenzuolo. Il pakistano è stato visitato e ai trova fuori pericolo.

 

“Abbiamo molti detenuti con problematiche di vario tipo, l’aver salvato la vita al pakistano ci conferma che l’attenzione alla sicurezza è altissima da parte del personale”. Giovanni Villa chiede che gli agenti intervenuti “debbano essere premiati”. Masih Shahid è stato rinviato a giudizio dalla Corte d’Assise di Cagliari per l’omicidio di Mirko Farci e il tentato omicidio di Paola Piras, avvenuto l’11 maggio dell’anno scorso.

 


In questo articolo: