Uta, chiude il passaggio sui binari: “Costretti a passare dalla strada extraurbana e a rischiare la vita”

Dopo la tragedia di Serramanna alla stazione di Uta-Villaspeciosa chiude il passaggio sulle rotaie. Il sovrappasso è inagibile e i pedoni sono costretti ad allungare il tragitto e a passare lungo una strada buia dove le auto sfrecciano e “che è molto più pericolosa dell’attraversamento sui binari”

Dopo la tragedia di Serramanna alla stazione di Uta chiude l’attraversamento sui binari. E il provvedimento causa qualche disagio agli utenti della zona, soprattutto i pedoni. Costretti ad allungare il tragitto e a passare a piedi dalla strada extraurbana “che è molto più pericolosa dei binari”, sottolinea polemica Michela Medda.

“Siamo passati dallo stesso ingresso, ma dopo la disgrazia di Serramanna questo accesso è stato chiuso”, racconta la Medda, “passavamo da una sorta di pedana in legno che costituiva un attraversamento pedonale lungo i binari. Ora l’accesso è stato chiuso e la pedana è stata tolta il sovrappasso in ferro è inagibile da anni e il pedone non può passare. E così mia figlia deve percorrere il cavalca ferrovia, per poi arrivare ad una strada extraurbana scarsamente illuminata dove le auto sfrecciano. Io da martedì non ho più la macchina e ora come devo fare? Spero che possano mettere in sicurezza la scala in ferro. Ho chiamato il comune di Uta ma mi hanno detto che non è loro competenza, mi auguro che il comune di Villaspeciosa o le Ferrovie possano risolvere il problema”.


In questo articolo: