Uta, c’è la svolta per il ponte sul rio Coccodi: il collaudo sblocca la viabilità a due anni dall’alluvione

Un lavoro svolto a seguito dei finanziamenti ricevuti per rimarginare le ferite sugli assi viari e i corsi d’acqua del territorio di Uta

Nei giorni scorsi si è svolto il collaudo del ponte sul Rio Coccodi a Uta. L’esito positivo arriva dopo appena un anno dall’avvio dei lavori di ricostruzione conseguenti l’alluvione dell’ottobre 2018. Un lavoro svolto a seguito dei finanziamenti ricevuti per rimarginare le ferite sugli assi viari e i corsi d’acqua del territorio. Oltre al ponte i lavori hanno riguardato il potenziamento del basamento e delle sponde laterali duramente colpite. A breve il tratto stradale potrà essere riasfaltato e riaperto al traffico così da poter riattivare un asse viario strategico per decine di aziende agricole e per assistere una vasta area del paese in caso di emergenze. Sono centinaia infatti le aziende e famiglie che operano nelle aree interessate dall’evento calamitoso.
Il Sindaco Giacomo Porcu spiega a Casteddu Online: “Siamo soddisfatti per questo risultato raggiunto in tempo record che consente di porre rimedio ad un grave colpo inferto dall ‘alluvione. Abbiamo messo in opera subito il finanziamento da oltre 4 milioni di euro ricevuto per risistemare la viabilità. Ovviamente non ci fermiamo qua. Tante altre strade e canali verranno sistemati nei prossimi mesi, a partire da Rio Sa Sarpa per mettere in sicurezza il territorio e ridare sicurezza alle centinaia di cittadini che operano nell ‘area interessata”.


In questo articolo: