Uta, c’è l’ok del Comune: in futuro i bus del Ctm

In futuro anche il CTM: approvato, durante l’ultimo consiglio comunale, l’ingresso del comune di Uta in ITS, la società in house della Città Metropolitana che gestisce già alcuni servizi integrati per i comuni che ne fanno già parte

Uta – In futuro anche il CTM: approvato, durante l’ultimo consiglio comunale, l’ingresso del comune di Uta in ITS, la società in house della Città Metropolitana che gestisce già alcuni servizi integrati per i comuni che ne fanno già parte.

L’iter è partito nel 2018 a seguito dell’adesione del comune di Uta all’accordo di programma della Città Metropolitana di Cagliari che acquisì un finanziamento di 9 milioni di euro per poter estendere la rete di fibra ottica per i servizi pubblici, l’installazione e gestione dei pannelli a messaggio variabile presenti sulla viabilità, il controllo del traffico e il collegamento radio tetra a disposizione dei comandi di polizia locale. Il comune ha stanziato poco meno di 2 mila euro per l’ingresso nel capitale di ITS, mentre la quota di gestione annua sarà di poco inferiore a 3 mila euro. Somme limitate in riferimento al servizio che verrà offerto e alla mole di investimenti che verranno realizzati nel territorio comunale.
Nel futuro verranno integrate anche la realizzazione e la gestione della videosorveglianza che verrà garantita h24 in tutto il territorio della Città Metropolitana. L’ iter si concluderà con l’approvazione definitiva come previsto dalle norme vigenti.
Il Sindaco Giacomo Porcu: “Ringrazio i rappresentanti di ITS per la presenza e la disponibilità nel presentare i progetti al Consiglio e maggioranza che ha colto in pieno il vantaggio che potrà darci l’ingresso in ITS approvando la proposta. In futuro avremo la possibilità di dotare il comune di mezzi importanti per gestire ad esempio la sicurezza stradale, le criticità di protezione civile, la videosorveglianza comunale. Inoltre, si pongono le basi indispensabili per l’estensione dei servizi che tutti desideriamo come il trasporto pubblico locale del CTM. Ancora una conferma dell’importanza strategica di far parte della Città Metropolitana”.


In questo articolo: