L’università di Cagliari con il Cirem capofila nel progetto da due milioni di euro Easy Log

Da Go Smart Med a Easylog: I sistemi Ict al servizio di Sardegna, Corsica, Toscana, Liguria e la regione Provence-Alpes-Côte d’Azur coinvolte nel progetto con capofila l’Università di Cagliari e finanziato con due milioni di euro. Interventi di Francesco Pigliaru, Maria Del Zompo, Massimo Deiana e Paolo Fadda

L’Università di Cagliari con il Cirem è capofila del progetto EasyLog – Logistica ottimizzata per i porti e il trasporto intermodale finanziato nell’ambito del II° Avviso del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia “Maritime” 2014-2020. Il progetto mira a migliorare la mobilità delle merci rotabili che si spostano tra le regioni dello spazio di cooperazione utilizzando le tecnologie Ict (Information, comunication technology) per incrementare le prestazioni della catena di trasporto multimodale transfrontaliera e la sostenibilità delle attività portuali. La sfida di EasyLog riguarda l’adozione condivisa di dispositivi Ict integrati per la gestione ottimizzata e sicura dei flussi informativi e documentali fra gli operatori della filiera logistica portuale transfrontaliera, al fine di incrementare le prestazioni della catena di trasporto multimodale e la qualità globale dei servizi resi dai nodi portuali secondari e terziari delle regioni partner in un’ottica di efficientamento delle connessioni transfrontaliere alle reti Ten-T. Il budget dell’azione è pari a 1.997.058 euro, finanziato all’85 per cento con fondi Fesr. Go Smart Med ha ideato una nuova governance strategica per coordinare le connessioni tra i porti Core (Genova, Livorno, Cagliari, Palermo) e i porti Comprehensive (Tolone, Bastia) migliorando la competitività dei territori insulari.

PARTNER E BENEFICIARI. Con gli studiosi del Cirem (Centro universitario ricerche economiche e mobilità) sono coinvolti nel progetto le Camere di commercio di Sassari, Riviere di Liguria, Maremma e Tirreno, Bastia e Alta Corsica, Autorità portuale mar Tirreno settentrionale, Cieli (Centro italiano eccellenza logistica, trasporti, infrastrutture – Università di Genova), Groupement d’Intérêt Public pour la Formation et l’Insertion Professionnelles (Accademia di Nizza). I principali fruitori e beneficiari del progetto EasyLog sono trasportatori, operatori portuali, aziende che inviano e ricevono merci, le pubbliche amministrazioni e i territori, grazie alle aumentate possibilità di crescita derivanti dal miglioramento delle performance produttive del sistema di trasporto nell’area.

ISTITUZIONI E RELATORI. I lavori si aprono martedì 11 settembre alle 9 con i saluti del rettore Maria del Zompo e del presidente della Regione, Francesco Pigliaru. A seguire, la presentazione dei risultati del Progetto GoSmartMed e del Progetto EasyLog, seguiti dai ricercatori coordinati da Paolo Fadda (responsabile scientifico). Con la cornice Prospettive dei trasporti nel Mediterraneo, intervengono gli specialisti Javier Fernandez (responsabile Ecorys-West Med Strategy), Andrea Ferrante (Università Roma Tre – Consiglio superiore lavori pubblici) e Massimo Deiana (presidente Autorità del mare di Sardegna). I lavori prevedono, tra l’altro, anche la tavola rotonda moderata da Gianfranco Fancello (responsabile scientifico EasyLog – Università Cagliari) su «Prospettive su cabotaggio marittimo di corto raggio».